Fashion

Itinerari di Stile: 8 mostre di Moda da non perdere

Virginia Francesca Grassi
19 maggio 2016

Lagerfeld02-950x514

O si è un’opera d’arte o la si indossa, diceva Oscar Wilde. Ebbene, il connubio tra arte e fashion non è mai stato così forte come in questo periodo.
Da “Manus ex machina”, che ha fatto da sfondo al Met Gala 2016, a Oscar de la Renta a San Francisco, per arrivare a Louis Vuitton e Issey Miyake a Tokyo, passando per l’esposizione fotografica di Karl Lagerfeld a Firenze (che intanto si prepara al Museo della Moda di Palazzo Pitti): sono tantissime le mostre dedicate alla moda e alla storia del costume che, in giro per il mondo, sono pronte ad accogliere aspiranti designer, amanti del fashion e semplici curiosi.
Itinerari di Stile e Cultura da scoprire in questa primavera/estate 2016.

  • A Roma, una grande mostra celebra l’acqua attraverso la creatività, l’haute couture e il made in Italy: a cura di Stefano Dominella e Bonizza Giordani Aragno, “In Acqua: H2O molecole di creatività” espone fino al 12 giugno, nei suggestivi spazi delle Terme di Diocleziano, 63 abiti e 28 accessori a tema acquatico firmati da grandi stilisti e giovani emergenti. Qualche esempio? La tuta a onde di Krizia, l’abito sirena in paillettes di Enrico Coveri, il peplo di Issey Miyake, l’abito da sera ricamato di pesci di Valentino e il mitico Sandalo Invisibile di Salvatore Ferragamo.

  • Dal 15 giugno va in scena a Firenze “Karl Lagerfeld – Visions of Fashion”: un percorso antologico che nella splendida cornice di Palazzo Pitti, in occasione di Pitti Immagine Uomo 90, celebra il kaiser della moda attraverso la sua raffinata passione per l’obbiettivo. Curata da Eric Pfrunder e Gerhard Steidl, la mostra raccoglie il meglio delle creazioni fotografiche del maestro, tra scatti inediti e servizi fashion pubblicati sui più importanti magazine internazionali.

  • In Normandia, il Christian Dior Museum di Granville dedica fino al 25 Settembre un’esposizione alle grandi donne che hanno saputo ispirare la Maison: “FEMMES EN DIOR, Sublime élégance d’un portrait” raccoglie una collezione di 90 tra abiti haute couture, fotografie, dipinti, lettere e disegni che illuminano l’unicità e lo stile delle grandi icone al femminile che nel tempo hanno interpretato l’eleganza Dior. Tra loro, Marilyn Monroe, Elizabeth Taylor, Maria Callas, Lady Diana, Jackie Kennedy, la Principessa Grace di Monaco e la Duchessa di Windsor, per arrivare a Marion Cotillard, Charlize Theron e Rihanna.

  • Missoni conquista Londra con “Missoni Art Colour”, in esposizione fino al 4 settembre 2016 al Fashion and Textile Museum. La mostra, nata in collaborazione con The Woolmark Company e inaugurata lo scorso anno al MA*GA di Gallarate, ripercorre l’influenza estetica dell’arte del Novecento sulla moda e il design tessile di Ottavio e Rosita Missoni, dalla fondazione della Maiosn nel 1953 fino al passaggio del timone creativo alla figlia Angela nel 1997.

  • Fino al 13 giugno il National Art Center di Tokyo ospita “Miyake Issey Exhibition: The Work of Miyake Issey”, una retrospettiva che, dagli anni ’70 ad oggi, ripercorre gli oltre 45 anni di carriera del celebre fashion designer. Tra amore per la tradizione e slancio verso il futuro, estetica, funzionalità e idee geniali, a partire dalle iconiche creazioni ispirate agli origami: un maestro che ha saputo rivoluzionare l’universo del prêt-à-porter.

  • Protagonista del Met Gala 2016, ecco “Manus x Machina: Fashion In An Age Of Technology”, l’annuale rassegna dedicata al fashion ospitata dal Metropolitan Museum of Art (MET) di New York. La mostra si focalizza sulla relazione tra tecnologia e artigianato nella creazione di abiti di alta moda e di prêt-à-porter, presentando più di 150 modelli: si va dai capi realizzati a mano del XX secolo fino a quelli prodotti con le tecniche più all’avanguardia, come i laser e le stampanti 3D.

  • Fino al 30 maggio, The Fine Arts Museums of San Francisco dedica a Oscar de la Renta la sua prima retrospettiva: a due anni dalla morte del designer, avvenuta il 20 ottobre del 2014, ad 82 anni, l’esibizione ripercorre la storia di questo grande artista proponendo una collezione di più di 130 abiti divisi in sezioni: Primi lavori, Influenze spagnole, russe, dell’est e floreali, Abiti da giorno e da pomeriggio, Completi da sera e da red carpet.

  • Louis Vuitton presenta “Volez, Voguez, Voyagez – Louis Vuitton” che fino al 19 Giugno animerà il quartiere di Kioicho a Tokyo, luogo simbolo in cui la Maison aprì la sua prima boutique in Giappone. La mostra, sotto la direzione di Olivier Saillard, è un vero e proprio viaggio tematico in 10 capitoli di cui uno interamente dedicato al Paese del Sol Levante, con oggetti e documenti provenienti dagli archivi Louis Vuitton, così come una selezione di articoli – compresi gli iconici bauli travel monogrammati – presi in prestito dal Palais Galliera, dal Museo della Moda di Parigi e da collezioni private.


Potrebbe interessarti anche