Lifestyle 2

Joie de vivre, scenografia e gioia di vivere

staff
12 giugno 2012

Atmosfera sontuosa e d’antan quella di Joie de vivre, un ristorante con cucina solida e ottima carta dei vini che accoglie con grande calore umano. La cura per i dettagli é minuziosa: di grande impatto la porta girevole anni ’20 (attraverso la quale si entra nel locale), recuperata da una vecchia casa di cura termale, le pareti nere, le luci ben dosate, il parquet d’epoca. Le citazioni parigine sono in perfetto equilibrio con i numerosi dettagli mitteleuropei.
Antonio Sinesi, ideatore del locale, descrive con passione la creazione di un angolo a Milano di autentica bellezza nel quale degustare cibo di ottima qualità, in un ambiente raffinato e con un ottimo rapporto qualità prezzo. La storia di Antonio parte da lontano, il suo curriculum é di tutto rispetto, nonostante lui si raccomandi di non definirlo in altro modo se non ‘un pastasciuttaio’, una persona verace e generosa, che conquista con una simpatia spontanea.
Ed é attraverso questo suo camminare sempre in punta di piedi che il locale si muove in una danza perfetta, grazie ad un servizio attento, mai invadente.
Joie de Vivre offre specialità della cucina classica italiana, rivisitata con un tocco creativo e originale. Tra i piatti forti troviamo il rombo chiodato in cartoccio, il fritto misto, la padellata “limousine”, le linguine “gioia” e il patanegra.
Per il lunch é prevista una formula di buona qualità, con una proposta di carne e una di pesce, entrambe accompagnate da un calice di vino, al costo accessibile a tutti di 12/14 euro.
Per cena i menu degustazione, con ben sei portate di pesce o di carne, oscillano tra i 44 e i 45 euro, una sfida del tutto nuova a Milano. Difficilmente la bottiglie di vino superano i 20 euro.
Da Joie de Vivre, bistrot di charme con tocchi cinematografici, ci si sente davvero come a casa.

 

Barbara Micheletto Spadini

 

Joie de Vivre
Via Prati – Milano
T. 02 3492730
www.joiedevivrebistrot.it


Potrebbe interessarti anche