Alberghi

JO&JOE: l’albergo dei millenials di AccorHotels

Jennifer Courson Guerra
3 ottobre 2016

2-jo-joe

Un nuovo gioiello va ad aggiungersi al portfolio del Gruppo AccorHotels: JO&JOE, una forma di ospitalità innovativa pensata per i traveller di domani. Il progetto è ambizioso: 50 strutture da aprire entro il 2020 in tutto il mondo.

Si tratta di un esempio di “scale-up”, cioè di un brand che evolve e si modifica continuamente in base alle richieste della clientela. I nuovi alberghi sorgeranno nei centri urbani più vivaci, ben serviti dai mezzi e si rivolgeranno principalmente ai millenials. La formula coniuga il tradizionale hotel all’ostello, ma anche all’appartamento in affitto.

1-jo-joe

Ogni spazio JO&JOE sarà infatti una casa aperta, che accoglierà insieme townsters (i residenti) e tripster (i viaggiatori), favorendo integrazione e socializzazione. Punto focale la cucina aperta a tutti, con piatti locali a prezzi convenienti o con la possibilità di cucinare da sé.

Le soluzioni per dormire sono molteplici: “Together” è una zona notte condivisa ma separata da spazi modulari, che unisce la classica camera dell’ostello alla salvaguardia della propria privacy; “Yours” prevede stanze con bagno privato, ma con un design originalissimo: “OOO!” (Out Of the Ordinary) offre infine una sistemazione piena di sorprese, come camper, tende, yurte e amache.

copertina-jo-joe

Nell’albergo dei millenials non può mancare l’app dedicata! AccorHotels ha pensato anche a questo, creandone una in collaborazione con il Marketing Innovation Lab e gli studenti della Webschool Factory di Parigi. Il design degli spazi è invece stato creato da Penson, l’innovativo studio britannico che ha creato l’estetica visionaria di numerosi brand.


Potrebbe interessarti anche