Moto

KTM 1290 Super Adventure S: semplicemente inarrestabile

Alessandro Spada
4 luglio 2017

Presentata ad EICMA 2016, la nuova KTM 1290 Super Adventure S è senza ombra di dubbio la versione più sportiva dell’intera famiglia Adventure della Casa austriaca.

Componentistica di altissimo livello, comfort elevato, prestazioni da record e potenza da “race replica”: forse non ha più senso chiamarla endurona stradale, ma guidarla è uno spettacolo.

La direzione seguita dalla Casa di Mattighofen è chiara e tutto questo viene ulteriormente sottolineato da Joachim Sauer, responsabile sviluppo delle maxi austriache e anche campione del mondo di enduro negli anni ’80: “Non metteremo mai il cardano o sistemi come Telelever sulle nostre Adventure, perchè per KTM le prestazioni vengono sempre al primo posto”.

La moto presenta un design molto aggressivo, ma al tempo stesso elegante e filante nelle linee; gli spigoli e i tagli netti delle carene sono stati decisamente smussati rispetto al passato in favore di una maggior armonia estetica.

Il motore è la vera essenza di questa moto: potentissimo, dotato di una coppia da “Tir” e incredibilmente elastico e sfruttabile in ogni condizione di utilizzo.

La KTM 1290 Super Adventure S è spinta da un possente bicilindrico a V di 75° di 1301 cm3 capace di erogare 160 cv di potenza massima e 140 Nm di coppia. Numeri incredibili se pensate che stiamo parlando di una “endurona stradale” per il turismo.

L’elettronica, completissima, vanta il meglio oggi disponibile sul mercato, come il Quickshifter Plus (funzionante sia a salire di rapporto che in scalata), le 4 mappe motore (Sport, Street, Rain e Offroad), l’acceleratore elettronico ride-by wire, l’MSR (regolatore di coppia) e l’MSC di Bosch, che comprende il controllo di trazione e il cornering C-ABS (con frenata combinata). Sono anche presenti il cruise cntrol, il TPMS (rilevatore pressione pneumatici), le luci full LED, il sistema smart key e il bellissimo cruscotto multifunzione TFT a colori da 6,5”, tramite cui si possono tenere sotto controllo tutti questi sistemi di aiuto alla guida.

La ciclistica della nuova Super Adventure S è un punto di riferimento per tecnologia e sofisticatezza. Il reparto sospensioni si avvale di unità semi-attive WP a controllo elettronico, sia all’avantreno che al retrotreno, completamente personalizzabili dal pilota in tre modalità di guida: Sport, Street e Comfort.

L’intero impianto frenante della moto è stato affidato al leader mondiale di questo settore, ossia Brembo.

Una vera e propria moto tuttofare, adatta ad ogni terreno e con veramente pochi limiti nella guida.

Si trova a suo agio in ogni condizione: nel classico tragitto casa-ufficio, nella “sparata” domenicale sui passi di montagna, nei lunghi viaggi a pieno carico e anche nelle escursioni offroad più estreme. La si può definire come il Dott. Jakyll e Mr. Hyde, o anche un po’ angelo e un po’ demone.

Risulta molto facile e mansueta anche in condizioni di guida da scooter, ma se impostate la mappa Sport su una bella strada ricca di curve e date gas, vi troverete tra le mani una vera arma letale divoratrice di curve, che potrebbe impensierire molte Super Naked di ultima generazione.


Potrebbe interessarti anche