Woman

La Ballerina: una scarpa, una garanzia

Alice Signori
21 aprile 2014

19044

Fiamma Ferragamo, primogenita dell’omonima famiglia, inventa negli anni’ 30 una scarpa destinata a fare storia: la ballerina.

Forse perché nata da una donna (di classe), la ballerina è una scarpa che attrae: sa combinare eleganza e comodità. Indossata con immancabile grazia da intramontabili icone di stile come Grace Kelly e Jacquiline Kennedy, così come da donne di potere, come l’indimenticabile Margaret Tatcher. Semplice e sempre diversa, dagli anni ’30 a oggi, le varietà di materiali, tinte e finiture proposte sono state pressoché infinite. Ed è proprio la versatilità che rende questa scarpa immortale: non stanca mai. Anzi continua a popolare armadi di signore e signorine, diventando un oggetto quasi da collezione. Ma la ballerina della primavera/estate 2014, in cosa si distingue? Colorata per Ferragamo che gioca sui colori accesi e primaverili; con stampa a fantasia per Gucci e Fragiacomo: propongono entrambi il motivo a cuori. E’ confortevole la scarpa di Tod’s: un oggetto versatile, ottimo anche da portare in valigia. Innovativa, invece, la ballerina di Menghi: in plastica colorata ton-sur-ton. Charles Philip pensa a occasioni più marinare: modelli colorati con laccetti a contrasto assicurano comfort e stile. A Milano, però, ballerina è sinonimo di un brand: Spelta, la manifattura che le produce e vende dal 1967. Il modello non cambia, ma spazio al colore: per quest’anno, si consiglia di provare il lilla. Baldinini  gioca con i pois, Moreschi e Bally, invece, mantengono un seppur minimo tacco e adornano la punta con una finitura metallizzata: due semplici accorgimenti che rendono la scarpa ancora più sobria ed elegante, adatta in ogni momento della giornata.

Scarpa da giorno, da cocktail, da sera e da lavoro: la ballerina è una fedele amica della donna di ieri e di oggi. Semplice da abbinare, dal design pulito e, soprattutto, con la capacità di far sentire chi la indossa una vera milady: proprio come le donne che ne hanno fatto la storia. Mettendo tutti ai loro piedi.
Alice Signori

Potrebbe interessarti anche