Arte

La cristofania di Lucca

Luca Siniscalco
22 febbraio 2014
Jorge R. Pombo, Variazione su Cristo crocifisso di Velazquez (I/XII e V/XII), 2004, 248x338 cm, olio su tela

Jorge R. Pombo, Variazione su Cristo crocifisso di Velazquez (I/XII e V/XII), 2004, 248×338 cm, olio su tela

Un’arte evanescente, spettrale nella tensione fra svelatezza e sparizione, proiettata magicamente in una dimensione sfuggente in cui ogni forma subisce un destino di sfaldamento. Questa è l’arte di Jorge R. Pombo, acuto visionario spagnolo nella cui opera un profetismo tutto latino pare riemergere da ere inabissate della storia passata. La mostra “Lucca – The passion”, ambientata a Lucca nella suggestiva chiesa romanica di San Cristoforo, fa così rivivere due temi estetici approfonditamente scandagliati dall’autore: la Città, come orizzonte comunitario inalienabile, e la Croce, quale simbolo spirituale imperituro.

Jorge R. Pombo, Variazione su Cristo crocifisso di Velazquez (XII/XII) 2004, 248x169 cm, olio su tela

Jorge R. Pombo, Variazione su Cristo crocifisso di Velazquez (XII/XII) 2004, 248×169 cm, olio su tela

Per quanto concerne la prima serie: si tratta di opere progettate appositamente per l’esposizione, con l’intenzione di celebrare Lucca collegando il gioiello italiano ad uno studio estetico del concetto di urbs già da tempo battutto da Pombo. Una visione distante e oggettiva informa di impersonalità una narrativa percorsa da una sottesa carica di estrema emotività, di cui la limpidezza artistica dipinge i contorni più autentici. Le opere “urbanistiche” partono infatti da un’immagine di Lucca vista da Google Earth e, successivamente, riprodotta su tela e modificata secondo tecniche rifacentesi all’action painting: dalla sideralità degli osservatori celesti il nucleo urbano viene vissuto e contaminato dagli abitanti terrestri.

Jorge R. Pombo , Lucca 1, 2013- 92x97 cm, olio su tela

Jorge R. Pombo , Lucca 1, 2013- 92×97 cm, olio su tela

La seconda serie racchiude a nostro avviso un nucleo teorico ancor più profondo. Pombo opera alcune variazioni di celeberrimi dipinti di Velàzquez, Caravaggio e Tiziano, centrando sul simbolo della Croce la dinamicità dell’evoluzione pittorica in cui tradizione e modernità si confrontano costantemente. Il gesto pittorico radicalmente moderno di Pombo stravolge la figurazione senza tuttavia disseccarne il senso, bensì lasciando emergere un lato prima oscuro del dipinto originale, convertendo nuove sfumature di significato e trasfigurando la carnalità cristica nella sfuggevolezza simbolica della trascendenza. L’interesse artistico per la potenza iconica della Croce – già individuato in artisti contemporanei quali Stefano Armellin e Renato Meneghetti – trova una ulteriore espressione nell’opera di Pombo. A ricordarci che una dimensione simbolica e archetipale, nonostante gli stimoli contrari di larga parte della nostra contemporaneità, attende di essere disvelata.

Jorge R. Pombo , Lucca 12, 2013- 190x230 cm, olio su tela

Jorge R. Pombo , Lucca 12, 2013- 190×230 cm, olio su tela

Chiesa di San Cristoforo
Via Fillungo s.n.,  Lucca – Italy
12 Gennaio – 2 Marzo 2014
Progetto ideato e coordinato da Lalla’s Join di Stefania Trolli
Curatore: Vittorio Bernaroli
Promosso e organizzato dall’Associazione San Cristoforo Art – Philosophy – Science – Spirityality
Coordinamento generale di Arturo Nardini
Orario: Martedì/Domenica 10.00-13.00 / 15.00-19.00
Informazioni: Tel. + 39 0583 957660  info@artscristoforolucca.com

Luca Siniscalco

 


Potrebbe interessarti anche