Lifestyle 2

La magia del cinema, senza magia

Claudia Alongi
25 febbraio 2014

foto 1

“ll miglior effetto speciale è il cinema stesso” disse una volta Jean-Marie Gourio. E a pensarci bene, non esistono parole più adatte di queste per descrivere il mirabolante artificio che il cinema offre agli occhi dello spettatore.
Il cinema, oggi ancor più di ieri, può catapultarci in universi inesplorati, impenetrabili, fantastici o irreali, può mostrarci com’è la vita per un extraterrestre, un vampiro, un supereroe, con la sola forza delle immagini.

E noi, come rapiti da quell’incanto, dimentichiamo che i blockbuster più riusciti o i film che più abbiamo amato, spesso devono metà del loro successo e della loro credibilità agli “effetti speciali”, quelle tecniche avanguardistiche di computer grafica che rendono possibile la rappresentazione di mondi impossibili.

Gli effetti speciali sono utilizzati nel cinema, nella televisione, nel teatro e nell’industria dell’intrattenimento in generale, per simulare degli eventi altrimenti irrealizzabili, perché troppo costosi, pericolosi o contrari alle leggi della natura.

E così senza quel “greenscreen” (quel fondo verde che viene “bucato” e trasformato in qualsiasi cosa) e senza tutte quelle altre tecniche meccaniche o digitali tanto usate ad Hollywood, non avremmo mai potuto vedere Superman spiccare il volo, gli Avengers combattere il male saltellando da un palazzo all’altro, Alice non avrebbe mai raggiunto il Paese delle Meraviglie, Edward Cullen non brillerebbe di luce propria, Harry Potter non sarebbe quel maghetto che conosciamo eccetera eccetera.
Ecco una carrellata di immagini tratte dai film più magici e premiati… senza magia però!

Guarda la gallery:

gallery 1

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


Potrebbe interessarti anche