Lifestyle

La mia mezzanotte a Parigi

staff
9 dicembre 2011


L’ultimo film di Woody Allen mi ha fatto riflettere sul mio modo di vivere Parigi a mezzanotte. Dove andare? Che cosa fare? Mezzanotte a Parigi sulla Rive Gauche é ciò che si avvicina di più al mood del film- un posto da sogno, un momento speciale, la fine di una lunga giornata e poco prima dell’inizio di una serata speciale.
Tenendo in mente che le notti in discoteca cominciano dopo l’una di notte, mezzanotte é quando si é seduti in un bar a godersi un buon drink. La domanda é, quale bar?
Secondo i vostri gusti e le vostre preferenze, ecco qua tre bar diversi ma ugualmente affascinanti, che rispecchiano la vera Parigi.
Per quelli che vogliono avere l’impressione di bere un bicchiere di vino nel pieno dell’era Boho parigina, La Palette, in Rue de Seine, é il posto perfetto.
Con il suo terrazzo esterno, coperto e riscaldato d’inverno, La Palette é il bar in cui filosofi venivano per bere un bicchiere di vino nella Parigi Bohemienne. E’ unico e assolutamente Parigino in tutto, dall’atteggiamento maleducato del personale alla deliziosa ‘assiette de charcuterie’, un piatto di salame, prosciutto e molto altro serviti su una tradizionale asse di legno
Se avete voglia di una serata un po’ movimentata in un bar, il vostro posto é Prescription Cocktail Club, nella vicina Rue Mazarine.
Completamente buio se visto da fuori, é impossibile indovinare cosa sta succedendo all’interno. Il bar si attiene alla filosofia “meno vedi, più vuoi” perfettamente. Questo moderno rifugio per bere é famoso per i suoi cocktail (tra i migliori della città) e l’atmosfera internazionale e divertente. La musica in sottofondo rimande bassa fino a mezzanotte, poi il bar si riempie e la notte prende vita. E’ snob ma senza troppe pretese, e il personale é disponibile e simpatico. Per i fan del whisky, il menu qui é eccezionale.
Ultimo ma non per questo meno importante, per i nostalgici c’é Café Le Procope. Aperto nel 1694 e situato in una casa a tre piani in Rue de L’Ancienne Comédie, questo bar ha la fama di essere il più vecchio bar di Parigi ancora aperto e in funzione. In passato era un bar in cui gli uomini alla moda venivano a bere un caffè, molto trasgressivo ai tempi. Gli interni, divisi in 9 sale da pranzo e salotti, hanno muri di 300 anni dipinti di rosso scuro.
Per chi vuole fare un salto indietro nel tempo, é interessante tenere presente che la sedia in cui vi sedete potrebbe essere la stessa sedia usata da Diderot, Voltaire, George Sand, Victor Hugo, od Oscar Wilde.
Come nel film di Woody Allen, Parigi é una città che permette di passare da un ambiente boho a un ambiente moderno oppure antico nel passaggio da una strada all’altra. Come dicono quelli del posto, “Paris est une ville magique!”

 

Ilaria Maria Sofia Gilardini


copyright: Tendaysinparis.com, wikimedia, Tripadvisor


Potrebbe interessarti anche