Fotografia

La Milano dell’acqua in mostra a Palazzo Morando

Francesco Costa
18 novembre 2015

1

Molti milanesi – di nascita o di adozione – spesso si rammaricano dell’assenza del mare nella loro città. Questo naturalmente è un dato di fatto, ma forse non tutti sanno che Milano deve moltissimo della sua crescita e della sua prosperità proprio all’acqua.

Parliamo naturalmente di acqua dolce: nel corso dei secoli la città è riuscita ad assoggettare la forza dei numerosi fiumi che la circondano – Ticino, Adda e Lambro solo per citarne alcuni – per alimentare agricoltura ed industria, per sviluppare traffici commerciali e per difendersi dai nemici.

3

Questo antico e prolifico legame tra l’acqua ed il capoluogo meneghino è celebrato da Milano città d’acqua, prestigiosa mostra fotografica ospitata a palazzo Morando dal 12 novembre al 14 febbraio.

150 immagini d’epoca, corredate da mappe storiche e documenti inediti, raccontano la storia di questo connubio dalle origini antiche. Il percorso espositivo racconta non solo la nascita e lo sviluppo dei tre navigli cittadini – un tempo molto più estesi e ramificati all’interno dell’urbe – ma anche dei numerosi canali che alimentavano i mulini, delle rogge ricche di pesci, delle “fonti miracolose” disseminate tra i quartieri, fino ad arrivare all’epoca più recente, con la costruzione dell’Idroscalo, nato per consentire l’atterraggio degli idrovolanti.

Non viene senz’altro tralasciato il racconto dell’apporto fondamentale dato dal Naviglio Grande alla costruzione del Duomo, così come quello della Darsena che, per alcuni decenni, è stato l’ottavo porto italiano per traffico di merci.

2

Milano, città d’acqua
a cura di Stefano Galli
Palazzo Morando | Costume Moda Immagine
dal 12 novembre 2015 al 14 febbraio 2016
Orari: martedì – domenica dalle 10 alle 19; giovedì 10 – 22.30.


Potrebbe interessarti anche