Biennale di Venezia 2012 Cinema

“La nave dolce”, “Love is all you need”, “Fill the void” e “To the Wonder” di scena a Venezia

staff
2 settembre 2012

In questa prima domenica di Settembre, il Festival si apre con le proiezioni dei film fuori concorso, tra cui “La nave dolce” di Daniele Vicari; il regista, reduce dal successo del discusso “Diaz”, torna al documentario, occupandosi di un caso d’immigrazione diretta dalle coste albanesi a quelle italiane della Puglia.

La danese Susanne Bier, dopo il premio Oscar per il miglior film straniero nel 2011, ritorna alla commedia romantica con “Love is all you need” (il titolo originale è Den Skaldede Frisør): due famiglie danesi si ritrovano per celebrare un matrimonio in Italia, ma per il padre dello sposo sarà facile invaghirsi dalla madre della sposa; girato tra Copenhagen e Sorrento, con Pierce Brosnan e Trine Dyrholm come protagonisti, la Bier abbandona i toni drammatici dei suoi ultimi lavori, senza rinunciare però alla centralità delle emozioni e dei sentimenti, tratto peculiare dei suoi film.

In concorso, la Sala Grande ospita la pellicola israeliana “Lemale et ha’chalal”, che porta il titolo “Fill the void” per il pubblico internazionale: regia di Rama Burshtein, racconta la storia di Shira, figlia più giovane di una famiglia ebrea ortodossa di Tel Aviv, promessa sposa ad un ragazzo coetaneo e della sua stessa età ed estrazione sociale; eccitata e felice, dovrà purtroppo fare i conti con la morte per parto della sorella Esther, e con le conseguenze della possibile partenza del cognato Yochay: la madre di Shira, determinata a impedire che l’uomo lasci il Paese con il suo unico nipotino, propone un’unione tra Shira ed il vedovo.

Dall’America, invece, il film scritto e diretto da Terrence Malick, con Ben Affleck, Rachel McAdams e Olga Kurylenko; “To the Wonder” è un dramma romantico su un uomo che a Parigi intreccia una relazione sessuale con una donna, che porta con sé in Oklahoma sposandola. Quando tuttavia la coppia entra in crisi, l’uomo riallaccia i rapporti con una sua ex.

 

Giorgio Raulli


Potrebbe interessarti anche