Advertisement
Letteratura

La resistenza attiva di Vivienne Westwood

staff
25 settembre 2011


“Il principio di Active Resistance è l’idea che si ottiene dalla vita ciò che si è disposti a mettere in gioco e che l’esperienza concreta del mondo coinvolge il pensiero”. Niente meglio delle parole di Vivienne Westwood potrebbe spiegare il concetto di Active Resistance.
La stilista ha esposto la propria idea di cultura attiva e riflessiva nel manifesto “Active Resistance to Propaganda”: “Non è sufficiente seguire la politica mondiale, guardare film e leggere libri best seller. Questo è superficiale, è necessario andare in profondità per capire chi sei, cosa è il mondo e come le cose potrebbero essere migliorate. Si tratta di cultura, che può essere acquisita solamente attraverso lo studio e la riflessione”.
Sulla base di queste idee è nato nel 2010 il progetto online “100 days of Active Resistance”, lanciato da Vivienne Westwood Anglomania, in collaborazione con Lee Jeans. Ogni giorno per 100 giorni, dal 28 settembre 2010 al 5 gennaio 2011, il sito web www.ar100days.com ha pubblicato uno scatto fotografico ispirato al concetto di resistenza attiva, realizzato nello spirito di pensiero positivo non separato dall’uso energico della propria intelligenza che la Westwood ha sostenuto.
Il progetto compie quindi un anno, diventa grande, e diventa anche un book fotografico che raccoglie tutte le immagini selezionate. A partire da ottobre sarà possibile acquistare una copia di “100 days of Active Resistance”, edito da Damiani, presso i negozi Vivienne Westwood del Regno Unito, online sul sito www.viviennewestwood.co.uk e in edizione limitata presso alcuni selezionati rivenditori in tutto il mondo.
Un’occasione imperdibile, tanto più se si considera che i proventi delle vendite saranno devoluti a Cool Heart, l’ente che si occupa di salvare la foresta pluviale e arrestare i cambiamenti climatici. Più attivi di così…

 

Maria Stella Gariboldi


“100 days of Active Resistance”, Damiani, pp. 184.


Potrebbe interessarti anche