Beauty

La semplice, rivoluzionaria tecnica per essere subito belli

staff
8 giugno 2012

Se, oggigiorno, da una parte é sempre più sentita l’esigenza di avere un bell’aspetto, eternamente giovane e performante, dall’altra è in aumento  la domanda di procedure medico-estetiche efficaci, sempre meno invasive,  per ottenerlo. “Belli subito!”… senza alienare la vita sociale e personale, senza troppi sacrifici, sembra essere il motto che surclassa  l’antico adagio “per apparire bisogna soffrire”!  
Per rispondere al nuovo proposito, negli ultimi tempi si è diffuso lo “Skin Needling”, una tecnica semplice e, tuttavia, rivoluzionaria che consiste nell’azione meccanica di piccole punte, simili a minuscoli spilli, applicati all’esterno di un rullino a cilindro fatto più volte girare sulla zona da trattare. Penetrando (in modo estremamente delicato e indolore)  poco al di sotto dell’epidermide, i magici aghi creano una micro infiammazione favorente il rilascio dei fattori di crescita che agiscono a livello del derma papillare. “Il trattamento viene utilizzato sulle rughe (comprese quelle difficili da curare con altri metodi, cioè contorno occhi, decolleté e perfino dorso delle mani), smagliature, iperpigmentazioni, macchie diffuse, cicatrici di varia natura (traumatiche, da acne, da ustione…) e rilassatezze cutanee di ogni parte del corpo”, precisa la Dott.ssa Simona Nichetti, medico estetico all’avanguardia alla quale ci rivolgiamo per ulteriori delucidazioni.
– Ma non esistono già metodologie, magari più conosciute?
“In effetti i risultati sono simili a quelli ottenuti con il laser surfacing, la  dermoabrasione o il peeling chimico, che avvengono tramite un procedimento ablativo, ovvero distruggono  l’epidermide, successivamente rimpiazzata da una nuova, con tempi di degenza piuttosto lunghi. Al contrario Skin Needling si propone come un metodo che stimola il biorimodellamento pur senza passare attraverso traumi significativi. Il rimodellamento avviene attraverso la liberazione di fattori quali il PDGF, che risveglia le cellule staminali presenti nei tessuti. Inoltre il TGF promuove la sintesi del DNA, mentre EFG e FGF favoriscono la proliferazione e la crescita dei fibroplasti.”
– Sembra un pò complicato, come avviene esattamente?
“E’ molto semplice: le microferite, provocate dai minuscoli aghi,  creano una zona di confluenza del sanguinamento superficiale, potente stimolo di guarigione della stessa. Il disagio operatorio è minimo e la sintomatologia percepita dopo l’intervento è una sensazione di gonfiore-tensione che dura circa 30 minuti.  Il ristabilimento  totale avviene nel giro di 4-5 giorni, anche se la neo sintesi di collagene non è  immediata: i risultati, evidenti subito, sono eclatanti entro un mese, durante il quale, per intensificarli, si può ripetere il trattamento per tre volte.”
– Dottoressa, ci conferma che lo Skin Needling non è per niente doloroso?
“Lo confermo certo, il trattamento viene preceduto da anestesia topica, in genere una maschera cremosa, e poi seguito da una maschera rinfrescante. Il fenomeno infiammatorio, molto simile ad una leggera scottatura solare, come già detto,  si risolve rapidamente.”
– Quanto dura l’effetto estetico?
“I risultati clinici perdurano per 10-12 mesi, compreso l’effetto di bio-rimodellamento. Si può ripetere annualmente, tra l’altro i costi sono ragionevoli e ovviamente dipendono dall’estensione delle aree trattate.”
Insomma tale tecnica sarebbe di un’ottima arma nelle mani del medico per debellare gli inestetismi e, cosa importante, poco impegnativa da parte del paziente? Non è niente male e tutta da provare!
www.nichetti.eu

 

Marisa Gorza


Potrebbe interessarti anche