I nostri blog

La vita della pendolare

staff
21 settembre 2011


La vita della pendolare è dura. Costrette a spostarsi di chilometri per lavorare o studiare, la pendolare media, passa molto del suo tempo in luoghi piccoli, caldi e affollati. Il sudore è compagno della sua vita, costretta alla vicinanza forzata gli odori corporali altrui diventano una tortura, uno stillicidio. Anche il proprio sudore tuttavia può diventare un cruccio. Tra spifferi d’aria gelata e saune in luoghi chiusi la a broncopolmonite è sempre dietro l’angolo. 
Oggi parliamo del kit della perfetta pendolare!

Ecco a voi un elenco dettagliato del necessario per sopravvivere alle vostre ore infinite a bordo dei mezzi pubblici:

Per la salute:

- L’igienizzante mani: super necessario quando vi sentite le mani appiccicose o cominciate a notare quel bell’alone grigio sulla vostra pelle. I miei preferiti sono il classico dell’Amuchina in versione tascabile e il più naturale igienizzante Just, in full size. Attente a non abusarne! Può seccare irrimediabilmente le mani e addirittura creare delle piaghe! Per questo va abbinato al secondo elemento.

– Crema per le mani: in questo caso, personalmente mi piace scegliere un prodotto che sia multiuso, crema per le mani e balsamo per le labbra. La sola e unica scelta, la manna, la panacea universale, l’Eight Hour Cream di Elisabeth Arden.

-Bottiglia d’acqua: l’idratazione è indispensabile, sopratutto se state molto in luoghi riscaldati o condizionati. A parte la classica bottiglietta da mezzo litro, un’alternativa interessante l’ho trovata una volta superato il confine con la svizzera. Si tratta di una bottiglia di plastica dura riutilizzabile con incorporato un filtro per rendere l’acqua potabile. Si chiama Water Bobble. Sono disponibili inoltre anche le ricariche dei filtri separatamente. Ottimo per le green-conscious. L’ha citata anche Blair Fowler!

– Lo Spuntino: essere una pendolare spesso ti costringe a dover spostare gli orari dei pasti ad ore impossibili, uno spuntino decente sempre in borsa aiuta a superare le crisi ipoglicemiche!

Per la bellezza:

– Cipria Compatta: esistono persone che rimarrebbero impeccabili anche dopo 2 ore in un bagno turco (silvia, ti odio :*), ma la maggior parte di noi è accomunata dal problema di mantenere una pelle vagamente matte dopo un’ora e un quarto di treno affollato. La cipria è nostra alleata, compatta per comodità, sceglietela del vostro colore e state lontane dai fondotinta in polvere se non volete sembrare incartapecorite.

– Mascara: perché anche se siete completamente struccate, in caso di emergenza il mascara vi salva le chiappe. Seglietelo tascabile e volumizzante.

-Illuminante: se proprio siete maniache della precisione sul trucco (mi dichiaro colpevole, vostro onore!) un illuminante in stick o in penna è fantastico per sembrare attiva e pimpante quando hai dormito 10 ore in un weekend. L’unico vero, Touche Eclat di YSL. 



 

Ecco qui, la guida di salvataggio!
Spero di doverla usare ancora per poco, tornando in pianta fissa a Milano. 
Settimana prossima vi aggiornerò dalla Milano Fashion Week e i suoi trend beauty!

 

Iashy