Advertisement
Arte

L’arte grafica di Picasso a Milano

Rita Cotilli
20 febbraio 2016
1)Bacchanale avec Chevreau et Spectateur, 1959, Pablo Picasso

1) Bacchanale avec Chevreau et Spectateur, 1959, Pablo Picasso

Non giudicare sbagliato ciò che non conosci, prendi l’occasione per comprendere. Le parole con cui Picasso esortava alla conoscenza priva di giudizi aprioristici, vengono oggi rivolte a chiunque voglia scoprire la bellezza dell’arte grafica dell’artista spagnolo, in mostra presso la Galleria Deodato di Milano fino al 30 marzo.

L’esposizione Picasso, capolavori incisori e litografici comprende una selezione di opere realizzate con l’uso di diversi materiali e tecniche come la litografia, l’incisione, l’acquaforte e l’acquatinta. Si tratta di un insieme eterogeneo, non solo dal punto di vista stilistico ma anche per i temi trattati, con rimandi alla letteratura spagnola e alla sfera dell’eros, sino a chiari riferimenti autobiografici.

2)Femmes entre elles avec voyeur sculpte, 1934, Pablo Picasso

2) Femmes entre elles avec voyeur sculpte, 1934, Pablo Picasso

Le litografie sono frutto di una realizzazione durata un cinquantennio, dal 1920 al 1970, mentre le incisioni sono quasi tutte appartenenti a due distinti nuclei di opere, riconducibili alle serie “Suite Voillard” e “La Celestine”.

L’insieme di incisioni all’acquaforte commissionato durante gli Anni Trenta dal mercante d’arte francese Ambroise Voillard è costituito da un centinaio di tavole che, accanto a tematiche quali la battaglia amorosa, Rembrandt e Ritratti di Voillard, presentano anche richiami mitologici come il Minotauro, considerato da Picasso come proprio alter ego per via della duplice natura, unione di razionalità e istinto.

1)Minotaure aveugle guide par Marie-Therese, 1943, Pablo Picasso

1) Minotaure aveugle guide par Marie-Therese, 1943, Pablo Picasso

Agli ultimi anni di vita dell’artista risale invece il gruppo di incisioni all’acquaforte e all’acquatinta noto come “La Celestine”, il nome della protagonista di un’opera del 1499 di Fernando de Rojas, la cui figura di intrigante e avida maitresse diventa il soggetto preponderante di queste tavole che mostrano il meticoloso studio e l’attenzione rivolta al nudo femminile.

La forza espressiva del colore sembra essere invece il tema dei lavori incisori su linoleum, la cui velocità di lavorazione rispetto al legno permetteva una resa cromatica maggiore.

Il desiderio di sperimentazione e l’eclettismo caratteristico di Picasso traspaiono con veemenza da queste opere, che ci restituiscono l’immagine di un artista rivoluzionario e versatile, vissuto nella costante ricerca di nuove forme espressive.

 

Picasso, capolavori incisori e litografici
Deodato Arte, via Santa Marta, 6 – Milano
12 febbraio / 30 marzo 2016
Orari: da martedì a sabato 10.30-14.00 e 15.00-19.00; chiuso il lunedì
Ingresso gratuito


Potrebbe interessarti anche