Auto

Las Vegas, CES 2017: all in per la guida autonoma

Matteo Giovanni Monti
12 gennaio 2017

0

Si è da poco conclusa a Las Vegas, in Nevada, l’edizione 2017 del CES, Consumer Electronic Show, tra le più importanti fiere di prodotti tecnologici al mondo. Gran parte dei riflettori sono stati puntati sulla guida autonoma l’ultima frontiera varcata dal mondo delle auto. Proprio come succede nel poker, le case automobilistiche hanno scommesso tutto sulla tecnologia “self-driving”, presentando incredibili concept e prototipi di un futuro sempre più vicino. L’auto di domani avrà un identikit caratterizzato da motori 100% elettrici, iperconnessione e capacità di comunicare attivamente con l’uomo. Completa rivoluzione avviene anche nel design degli interni: si arricchiscono di sofisticati sistemi multimediali catapultando i visitatori nel futuro e, ciliegina sulla torta, secondo le esigenze, possono trasformarsi rispettivamente in pratiche postazioni di lavoro o comodi salotti relax; il tutto mentre l’auto prosegue il suo viaggio in completa autonomia e sicurezza.

Ecco allora una carrellata delle novità più interessanti di questo CES 2017.

Bosch, azienda tedesca leader nell’elettronica presenta l’abitacolo con tecnologia biometrica. Grazie alla memoria di cui è dotato accoglie e si “ricorda” del guidatore, regolando autonomamente la posizione del volante, l’inclinazione del sedile, l’orientamento degli specchi retrovisori, la temperatura impostata sul climatizzatore e la frequenza radio preferita. Grande novità per il sistema infotelematico, in grado di essere comandato tramite comandi gestuali: è sufficiente muovere le mani dinanzi allo schermo dell’infotainment per scorrere fra i menù ed attivare le varie funzioni.

BMW, grazie alla concept car BMW i Inside Future, rafforza il legame man-machine con i suoi ologrammi proiettati nel campo visivo del guidatore; questi contengono tutte le segnalazioni relative al sistema infotelematico e multimediale. Modernissima, poi la tecnologia dell’impianto audio, in grado di soddisfare contemporaneamente i gusti sonori di ogni passeggero, riproducendo quindi parallelamente l’audio richiesto da ciascun membro a bordo. Ma non è finita: la vettura assicura inoltre la possibilità di prenotare ristoranti, pagare parcheggi on line e controllare la domotica direttamente dall’auto.

La sconosciuta Faraday Future FF 91, diventa subito una celebrità e lascia tutti quanti a bocca aperta. Prodotta nella Silicon Valley è totalmente elettrica e copre lo 0-100 km/h in appena 3s grazie ai 1050 CV e i 1800 Nm di coppia. Oltre che prestazioni da capogiro, sembrano ottimi anche i consumi grazie ai 700 km di autonomia. Nonostante l’incredibile potenza, l’auto è in grado anche di guidarsi da sola e tramite l’esclusiva app realizzata ad hoc è in grado di passarci a prendere. Aspettiamo ancora un anno e potremo goderci il duello con la Tesla.

Grazie a NeuV, la sua biposto elettrica, Honda ci accompagna ancora una volta verso il futuro. L’auto a guida autonoma è fortemente dedicata al car sharing privato, il prototipo infatti è stato realizzato per “monetizzare” i tempi morti del proprietario. Dunque a guidare non sarà il noleggiante ma il sistema di autonomous driving integrato nel mezzo.

Toyota invece offre la Concept-i, spaziosa quattro posti a sedere dotata di guida autonoma. Vera novità risultano essere le portiere ad apertura verticale, concepite per facilitare l’interazione uomo-macchina e l’innovativa carrozzeria-display in grado di comunicare con altri utenti della strada tramite effetti visivi e messaggi visualizzati a livello frontale e posteriore della carrozzeria. Punto in più per la simpatia grazie all’“occhiolino” fatto con i gruppi ottici!

Chiudiamo con Chrysler Portal, la sorpresa a guida autonoma offerta dal Gruppo FCA. Ancora una volta Marchionne punta in alto e si aggiudica un ruolo sul palco del CES: la concept car 100% elettrica si presenta nelle forme di un minivan a sei posti, offrendo 400 km di autonomia; vanta inoltre la tecnologia Vehicle-to-X, capace di rendere possibile lo scambio di informazioni con le infrastrutture e con altri veicoli circostanti. Completa l’opera lo schermo Amoled con grafica 3D, dedicato alla gestione della piattaforma info-telematica della vettura e della domotica.


Potrebbe interessarti anche