Arte

Lavinia, l’essenzialità della scultura bronzea di T-yong Chung

Alessandra Buscemi
19 marzo 2017

È finita la Grande Guerra e Vittorio Battaglia,  fratello del fonditore d’arte Ercole, ritorna in Italia, segnando la ripresa delle attività della Fonderia Battaglia a Milano. Nei decenni seguenti la fonderia è fucina di opere destinate a diventare grandi simboli, come i Cavalli della Rai del 1961. Oggi la Fonderia continua a essere un centro per l’arte grazie alla possibilità data agli artisti di utilizzare il proprio Studio, di poter seguire la produzione dal prototipo alla patina, assistito dagli artigiani, e di avere a disposizione uno spazio espositivo per il progetto finito.

Attualmente è T-yong Chung l’artista che ha scelto la Fonderia come suo luogo d’arte: scultore per tradizione (suo padre lo è in Corea del Sud), nei suoi lavori la tensione fra la pienezza della cultura occidentale e l’essenzialità di quella orientale crea un vero equilibrio formale.

T-yong si avvicina ora al ritratto e, grazie al supporto di Tender to Art, l’hub dedicato alle arti visive di Tendercapital, importante realtà internazionale di asset management, espone  Lavinia, un busto di bambina in bronzo, modellato in chiave classica e figurativa, reinterpretato dall’artista coreano secondo la sua consueta decontestualizzazione di un simbolo iconografico occidentale, con tagli e levigature sulla materia.  Le sue sculture sono definite, anche se sembrano incompiute, il suo segno è delicato ma vigoroso.

L’artista utilizza spesso materiali di scarto – sedie antiche, utensili arrugginiti, pezzi di lamiera – che smembra e ricompone, leviga e lucida, fino a conferire allo scarto una nuova identità, strettamente legata alla dignità del passato. Lavinia è l’installazione che attraverso le fasi di modellazione del busto di bronzo, crea un processo identificativo del giovane volto ritratto che, assorbendo i materiali e i colori di lavorazione, come gesso, terracotta, cera di vari colori, si trasforma in ciascuno di essi. Un ciclo che si sviluppa sulla base della fase precedente ma che alla fine ritorna a se stesso, al suo principio identitario.

 

T-yong Chung
In mostra fino al 23 Marzo 2017
Fonderia Battaglia, via Stilicone 10, Milano
Per info e prenotazioni: info@fonderiabattaglia.com.

Photo credits: ©Ugo Dalla Porta e ©Ugo Dalla Porta&Patrick Toomey


Potrebbe interessarti anche