Fashion

Le fil rouge: passione eccentrica

staff
23 febbraio 2011

Il rosso nella moda richiama svariate associazioni: da Diana Vreeland, il suo smalto per le unghie ed il suo famoso appartamento a là “giardino infernale” su Park Avenue, agli abiti di Valentino, alle rosse suole Christian Louboutin.
Alle cerimonie abiti di questo colore sono seri concorrenti di quelli monospalla o dalla schiena aperta.
Nella prossima stagione al rosso è dedicata un’attenzione particolare, benchè sia sempre in voga anche “fuori moda”, e non solo con acceni di colore quà e là, i designers mandano in passerella modelle completamente coperte di rosso fuoco!

Nel dicembre 2003 Vogue Paris ha fatto tutto un servizio fotografico con Isabeli Fontana in rosso, l’anno scorso sono uscite bellissime foto di Karlie Kloss e Patricia van der Vliet su Vogue China (Novembre 2010).
I fashion bloggers e i fashion addicted in generale hanno colto la tendenza già da questo Autunno-Inverno sfoggiando tali tinte, che sono state proposte da molti stilisti, cosa che senz’altro non smetteranno di fare anche nella prossima stagione e, stando a questo primo giorno di Milano Moda Donna, neanche in quella dell’inverno successivo!
Forse il francese Charles Guislain sarebbe anche passato inosservato qualche anno fa se non fosse per il suo vistoso mantello Maison Martin Margiela…
Bisogna tener conto di un fatto però, questo colore, così come può evidenziare i vostri punti di forza e mostrare a tutti il vostro raffinato senso di stile può anche ucciderli!
Per prima cosa bisoga saperlo abbinare. Ci sono accostamenti, diciamo così, classici: rosso e nero, che di solito dà l’impressione di una donna forte e decisa (v. Balmain, Haider Ackermann) e rosso e bianco (v. Giulia Roberts in Pretty woman, il bianco abito di Oscar de la Renta decorato con rose rosse) che forse si addice più a una donna giovane che vuole aggiungengere maggiore grinta alla sua immagine.
Personalmente non vado matta per l’abbinamento rosso-bianco, a parte per un look estivo, leggero, dove predomina il bianco ed il rosso appare come colore-accessorio, il primo invece è quasi sempre sicuro, forse troppo scontato perchè facile, ma sicuro.
Ah, si, poi c’è il rosso-oro. In questo caso – che prevalga molto il rosso e l’oro si limiti agli accessori.
Oltrei classici si può osare e provare ad abbinare tale colore con il viola, il verde, l’arancione, il giallo, il blu – un po’ Mondrian – a patto che questi colori siano netti e intensi, non spenti!
Non esagerare troppo comunqe, per non sembrare un carro carnevalesco, ripeto ancora: buon senso nel “dosaggio”.
Per me il più fine ed interessante accostamento è scarlatto-beige, o meglio, le sue sfumature cipria.
Vi ricordate come era raffinata ed elegante Natalie Portman agli ultimi Golden Globesin Viktor&Rolf?
Amo la lunga gonna scarlatta di N°21 by Alessandro dell’Acqua, il rosso abito di Brioni, la rock-giacca con le borchie di Balmain, il vestito con le farlalle di Sportmax, le lipstick heels in vernice rossa di Alberto Guardiani, la Balenciaga Papier…
Ultimi accorgimenti e consigli. Il rosso da sempre, dallo smalto alla borsa, era e rimane una specie di test universale sul complessivo senso estetico dell’uomo.
L’occhio umano distingue oltre 250 tonalità di rosso, tutta questa varietà è al vostro servizio, ma solo poche persone, di grande istinto, riescono a scegliere la tonalità giusta. Giusta per quanto riguarda il momento, l’immagine che si vuole dare, gli occhi, i capelli, la carnagione.
La scelta del rosso richiede una meticolosità e un atteggiamento quasi farmaceutico per quanto riguarda le misure e le proporzioni.
Se non vi sentite pronte per un bel rosso acceso, quello scarlatto, andate sul carminio, amaranto, bordeaux o verso tonalità più chiare come il rosso corallo.
Non volete esporvi troppo e subito presentandovi in un total red – cominciate con piccole dosi: un paio di scarpe, una borsa, una camicia di chiffon con maniche ampie, una gonna longuette.
Una volta che ci siete dentro, siate sicure di sé perchè non passerete inosservate! Il rosso ama chi lo saportare!

 

Anastasia B. Calmotti


Potrebbe interessarti anche