Beauty

Le regole beauty della parigina

Giovanna Lovison
13 febbraio 2017

Se siete state a Parigi e vi siete soffermate a guardare le parigine che passeggiano tra rues et boulevards, ve ne sarete sicuramente accorte anche voi: riescono a sembrare favolose con una naturalezza a dir poco disarmante. Non è un solo dettaglio che colpisce del loro look ma è l’insieme di trucco, stile, movenze a renderle tanto meravigliose e invidiate. Quando si tratta di bellezza, sembra che la parigina sia così glamour di natura e non abbia passato un solo secondo davanti allo specchio prima di uscire: la verità, invece, è che dedica alla cura di se stessa molto più tempo di quello che possiate credere. Regole ferree, consapevolezza di cosa fare e cosa mai, stile fresco e mai artificiale, pochi prodotti ma indispensabili e di eccezionale qualità: questi sono i segreti.

Le beauty routine della parisienne è semplice da ricreare ma di sicuro effetto.

  • Infine, uno degli altri diktat assoluti della parigina richiede polso di ferro e forza di volontà: vietato tassativamente andare a letto truccate o senza aver lavato accuratamente il viso, anche se non indossavate trucco nel corso della giornata. Cosa usare se non la mitica Bioderma Sensibio H2O Eau Micellaire? Ogni parigina che si rispetti ha una scorta infinita di questa iconica acqua micellare: da escludere il rischio di trovarsi senza.

  • La parigina prende molto sul serio la cura della pelle e sa che è la chiave per mantenerla più giovane e bella. Non inizia mai la giornata senza aver lavato accuratamente il viso e regalandogli una dose extra di idratazione: una vaporizzata generosa di Eau Thermale Avène lenisce e disseta la pelle mentre una crema idratante e nutriente come la Embryolisse Lait Crème Concentré, un must, dona luminosità e morbidezza e prepara la pelle al maquillage.

  • A meno che la parigina non abbia problemi di pelle come imperfezioni o forti rossori, il fondotinta è bandito. I prodotti davvero indispensabili per un teint perfetto sono solamente due: il fedelissimo YSL Touche Éclat per illuminare gli zigomi e correggere le zone d’ombra attorno agli occhi e ai lati del naso e una cipria sottile e leggermente colorata per uniformare il viso, come la Bourjois healthy Mix Powder, uno dei bestseller del brand.

  • Per quanto riguarda le labbra, non sono molti i prodotti che la parigina ammette utilizzare. Quello che conta davvero è avere un balsamo idratante da applicare la mattina e la sera, un gloss trasparente o rosato per quando si vuole essere più semplici e l’immancabile ed iconico rouge à lèvres rosso. La tonalità perfetta è quella leggermente aranciata e brillante di Chanel Rouge Coco in Arthur, un rosso universale che si porta 365 giorni l’anno. Se la parigina dovesse avere un solo rossetto, sicuramente sarebbe Chanel.

  • I capelli sono uno dei punti centrali del look della parigina. Un taglio medio-lungo che richiede poca manutenzione, magari corredato da una frangia lunga, è un must, così come un colore naturale e luminoso. Bandite mèches, colpi di sole, colori troppo audaci o radici che mostrano la ricrescita. Spesso la parigina non asciuga i capelli con il phon e non li pettina nemmeno ma si addormenta con i capelli leggermente umidi e si sveglia con una piega scomposta ed interessante che rivitalizza con uno spray volumizzante come Alterna Caviar Perfect Texture Spray.

  • Uno degli accessori che la parigina non dimenticherebbe mai è il profumo. Nella scelta della fragranza perfetta non ci sono regole se non quella di scegliere un profumo di nicchia, uno che non si riconosca immediatamente e che non indossi anche la collega, l’amica del cuore o l’ex fidanzata del vostro compagno. Profumi d’eccezione sono quelli di Annick Goutal, adorati dalle parigine. Petite Chérie Eau de Parfum è un’autentica meraviglia.

Un ultimo consiglio, se chiederete a qualsiasi parigina, vi dirà di tenere sempre a mente che sentirsi favolose ed eleganti dev’essere uno stato d’animo e non una sensazione da ricercare grazie a pennelli e trucco. Très chic.


Potrebbe interessarti anche