Libia, bombardata una nave turca

Davide Alessandro Giannattasio Fanigliulo
12 maggio 2015

attualità

Nuove tensioni in Libia. Il 10 Maggio una nave mercantile battente bandiera turca è stata bombardata dall’esercito libico a 10 miglia dalla costa di Derna. A confermarlo è stato Mohamed Hejazi, portavoce del generale dell’esercito regolare libico Khalifa Haftar. La nave cargo, Tuna-1, avrebbe violato l’ordine dell’esercito di non avvicinarsi alle coste della città di Derna, in parte controllata dalle forze dell’Isis.

Secondo la ricostruzione del portavoce l’esercito, dopo un primo avvertimento via radio, avrebbe sparato dei colpi di avvertimento e, in seguito, non ricevendo alcuna risposta o segno di un’inversione di rotta, ha deciso di centrare il bersaglio. A seguito del bombardamento un ufficiale a bordo ha perso la vita e il mercantile ha preso fuoco. In seguito è stato rimorchiato verso il vicino porto di Tobruk. Ankara è stata più volte accusata dal governo libico di aiutare la causa dell’Isis, inviando loro armamenti nascosti in navi mercantili.

La notizia è stata diffusa dal ministero degli esteri Turco solamente ieri e ora il governo di Ankara ha presentato un’istanza formale di protesta alle autorità libiche. La nave, battente bandiera delle isole Cook, secondo le autorità turche, trasportava cartongesso dalla Spagna alla Libia. Seppur danneggiato, il cargo ha proseguito la navigazione prima di essere raggiunto e trainato in territorio libico. La Turchia è ben intenzionata a richiedere un risarcimento per i danni subiti e giustizia nei confronti dei responsabili del gesto, ritenuto inqualificabile.