Fashion

Longines: la tradizione del tempo

Jennifer Courson Guerra
3 ottobre 2016

longines_saint-imier_02_12

Saint-Imier è un piccolo paesino con poco meno di 5000 abitanti nel cantone di Berna, in Svizzera, il cui punto più alto si trova a 1490 metri sul livello del mare. Qui, tra le pendici delle montagne circostanti, nel 1832 si svolse un piccolo miracolo: Auguste Agassiz creò un comptoir d’établissage, cioè una manifattura di orologi la cui fase più delicata, l’assemblaggio, veniva eseguita da Auguste in persona.

Nel 1867, Ernest Francillon assunse la guida della produzione, che stava assumendo dimensioni sempre più importanti, e trasferì l’azienda a Les Longines, il cui nome, nel dialetto locale, significa “prati allungati”. Nel 1880 il nuovo nome e il logo vengono registrati.

  • “Elegance is an attitude”: è lo slogan che accompagna Longines da decenni ed esprime la filosofia del Marchio. L’eleganza, lungi dall’essere solo un’apparenza, deve ritrovarsi in tutti gli aspetti di un gesto o di una personalità. Una sala del Museo è dedicata alle inserzioni pubblicitarie dei vari periodi storici e ai modelli il cui design è stato particolarmente curato.

  • Circa ottocento libri di établissage svelano pagina dopo pagina i segreti dei segnatempo storici del Marchio, dagli esordi nel 1867 al 1969. Questa inestimabile fonte d’informazioni, completata e archiviata per i periodi successivi su altri supporti, permette di conoscere il percorso degli orologi usciti dalla fabbrica fino alla data di vendita da parte dei rappresentanti Longines nel mondo.

  • La tradizione orologiera, come il know-how, occupano pertanto il posto d’onore nell’area di accoglienza dei visitatori. La vera storia dell’orologeria è infatti segnata dai progressi tecnologici e dalla strategia messa a punto dall’azienda. Orologi emblematici evocano tutte le tappe fondamentali percorse dal marchio, raccontando la storia delle attività passate e presenti di Longines.

  • I segnatempo dalla clessidra alata hanno inoltre contribuito, proprio grazie alle loro caratteristiche di affidabilità, precisione, solidità e alle inedite tecnologie, al successo di numerose imprese. Hanno infatti accompagnato le spedizioni esplorative negli ultimi territori vergini del globo, affrontando condizioni meteorologiche estreme, hanno contribuito ad aprire nuove vie aeree e a stabilire record di aviazione, oltre ad aver navigato su mari in tempesta.

  • Numerosi aviatori ed esploratori hanno dato fiducia agli orologi Longines, affidando a questi strumenti la loro sicurezza. Il Marchio ha accompagnato diversi avventurieri nelle loro imprese. Charles Lindbergh, Philip van Horn Weems, Roald Amundsen, Amelia Earhart e Paul-Emile Victor, tra gli altri, hanno beneficiato delle conoscenze del Marchio dalla clessidra alata per partire alla conquista dell’aria, del mare e della terra.

  • Longines vanta un legame inscindibile con mondo dello sport, per il quale sviluppa sin dal 1878 tecnologie in grado di misurare il tempo con una precisione sempre più affinata. Già nell’ultimo quarto del XIX secolo l’azienda produsse i suoi primi cronografi e cronometrò le prestazioni degli sportivi in varie competizioni. Seguirono così molti modelli, oggi esposti in un’area riservata del museo, destinati ai privati o ai cronometristi professionisti, che hanno accompagnato quasi tutte le discipline sportive a livello mondiale.

Il patrimonio secolare di Longines si può oggi toccare con mano: non solo in ogni segnatempo della Maison, che tramanda in sé il savoir-faire e l’artigianalità dei primi modelli, ma anche nel Museo Longines. Il percorso espositivo ripercorre la tradizione orologiera attraverso pezzi unici, materiale d’archivio, film, pubblicità e soprattutto attraverso circa ottocento libri d’établissage, affascinanti testimonianze del processo che sta dietro la creazione di ogni prodotto Longines, dagli esordi fino al 1969.

Non solo eleganza e stile, ma anche precisione tecnica: gli orologi Longines hanno scandito la storia delle esplorazioni sulla terra, nel mare e nel cielo. Il museo racconta le emozionanti storie dei pionieri, a cui seguono quelle di altri eroi, quelli dello sport. Una delle eccellenze del marchio è infatti il mondo del cronometraggio, di cui è entrato a far parte sin dal 1878 con la creazione del primo cronografo per le gare ippiche, il leggendario calibro 20H.

Oggi Longines è una delle aziende di orologeria di alta gamma più amate al mondo. Con una produzione che tocca il milione di pezzi l’anno e con il continuo impegno nello sport, il marchio della clessidra alata resta fedele a quel paesino sui monti svizzeri. Dove oggi, ogni giorno e gratuitamente, su appuntamento, è possibile scoprire la storia e il patrimonio Longines.


Potrebbe interessarti anche