News

Louis Vuitton: nuova veste per il negozio sulla 5th Avenue a New York

Flavia Rita Grotta Roldan
30 novembre 2015

lv2

Louis Vuitton ha di recente rinnovato il suo negozio di oltre 1800 metri quadri a New York sulla celebre Fifth Avenue rendendolo più luminoso e fresco.

La direzione dei lavori è stata affidata all’architetto Peter Marino, che aveva a suo tempo progettato la boutique nel 2004 insieme ad altri spazi del marchio nel mondo.

Marino, che ha disegnato diversi negozi per altri brand, tra cui Christian Dior, Fendi, Celine, Chanel ed Ermenegildo Zegna, ha scelto per animare l’arredamento una palette di colori dalle nuances speziate, come ad esempio un tappeto di un brillante arancio ruggine.

Appena dopo l’ingresso, nella boutique si trovano un doppio vestibolo dai pannelli laccati in caramello e pietra, una vetrina che espone un baule vintage Louis Vuitton e un grande lampadario in ottone di Vincenzo De Cotiis.

lv1

Una grossa scala centrale collega i cinque livelli del negozio che, per quanto riguarda il layout, è rimasto invariato: al piano terra pelletteria, accessori, orologi e gioielleria per la donna; nel mezzanino la pelletteria, accessori da viaggio e una nuova sezione di orologi per l’uomo; il secondo piano ospita invece tutto l’universo maschile Louis Vuitton, il terzo quello femminile e infine il quarto piano è dedicato al salone VIP Haute Maroquinerie e al servizio clienti.

Punto focale della boutique è una scultura raffigurante un fiore rosso dell’artista Yayoi Kusama “Flowers that Bloom Tomorrow, 2010” ben visibile proprio sotto la scalinata. Altre sette opere d’arte floreali di Todd Eberle decorano i muri e cinque versioni di “Untitled (Flowers for Richard)” sono appesi sulla parete nord.

Louis Vuitton

La più grande sfida per Peter Marino, che rinnoverà anche la boutique di SoHo il prossimo anno, è stata tenere il negozio aperto durante la ristrutturazione: “È stata una tortura. Lo abbiamo fatto in quattro fasi, non siamo riusciti a chiudere: le vendite della boutique sono troppo importanti – ha spiegato l’architetto – Abbiamo dovuto lavorare di mattina e di notte: la ristrutturazione ha avuto dei costi molto più alti del normale perché si lavorava anche nei fine settimana

Michael Burke, presidente e CEO di Louis Vuitton, non ha voluto rivelare nè i costi di ristrutturazione nè il fatturato, ma ha dichiarato che si tratta del negozio con più successo a Manhattan.

Per celebrare il nuovo concept dello store, Louis Vuitton offrirà un’esclusiva limited edition di accessori caratterizzati dal celebre giallo dei taxi newyorkesi.


Potrebbe interessarti anche