Mamme digitali: tra smartphone, pc, tablet e pannolini!

Patrizia Eremita
10 febbraio 2013

Oggi mi piace parlare di mamme e tecnologia, un fenomeno in crescita che vede noi mamme trascorrere più di tre ore e mezzo al giorno online. Nell’era 2.0 sappiamo destreggiarci tra lavoro, famiglia, amici, e interessi personali – pochi, aimè, considerando la costante corsa dietro alle lancette dell’orologio –, prediligendo tutti quegli strumenti e mezzi che ci aiutano a risparmiare e ottimizzare il tempo.

Insomma, le mamme di oggi sono costantemente di corsa e hanno imparato a farsi furbe: utilizzando sempre di più quello che il web mette loro a disposizione e facendosi aiutare con le incombenze di ogni giorno. Io per prima sono vittima della tecnologia: amo tutto ciò che rende veloce e snellisce la mia lista giornaliera di cose da fare e quando 20 anni fa è arrivato internet, seguito da tutta una serie di innovazioni strabilianti, devo dire che non mi sono mai opposta, ma anzi ho sempre lasciato libero spazio al mio innato senso della scoperta, cercando di capire, esplorando e mettendomi alla prova…in fondo si sa, la curiosità è donna!

Ecco quindi che le nuove tecnologie sono entrate a far parte della routine e della vita quotidiana di molte di noi. Il fenomeno delle “Mamme Digitali” non può essere certamente ignorato: uno studio condotto in USA da Razorfish e Cafemom mostra che l’84% degli americani online sono mamme. In Italia interessante è per esempio il dato che segnala che il primo canale di informazione sui prodotti per l’infanzia è il web e che il 69% del campione di mamme analizzate utilizza i social network per condividere con altre mamme l’esperienza della maternità (dati Nielsen).

Insomma, le famiglie si trasformano nel tempo anche grazie all’utilizzo dei nuovi device tecnologici, smartphone, tablet, e-book, che creano nuove abitudini e punti di riferimento diversi nella gestione dell’economia e degli acquisti familiari, ma anche nell’organizzazione stessa delle famiglie e del tempo. E le mamme diventano sempre di più un target importante per chi propone prodotti e servizi.
Non dimentichiamo poi le App che oggi la Mamma trova facilmente su smartphone e tablet, strumenti utilissimi e spesso gratuiti, come iPediatric, applicazione smartphone per mamme e papà o chiunque si prenda cura di bambini 0-12 mesi, Kidtivities hai sempre nel tuo iphone, un’idea fantastica per far giocare le mamme insieme ai loro piccoli, Baby ESP, un’autentica agenda dove gli unici impegni da pianificare sono proprio quelli con i pargoli di casa. Infine, Mobi Sitter per far apparire in un attimo una tata al momento del bisogno e HiBaby Diary, per creare un diario con le emozioni, i traguardi e le esperienze del primo anno di vita del tuo bambino (per iPhone e iPad).

Da qualche tempo è poi possibile approfittare di corsi di formazione online, grazie a webinar o videoconferenze, molto comode e green (il che non guasta!) perché si può partecipare da casa o da qualunque altro luogo collegandosi a un link che viene dato ai partecipanti. Mammaelavoro partirà proprio in questi giorni con una serie di webinar gratuiti legati al web e tutte le possibilità che mette a disposizione delle donne  e delle mamme.

E tu ti definisci una mamma digitale? Sono davvero curiosa di sapere qual è la vostra esperienza in campo tecnologico…

Aspetto i vostri racconti!

A presto,
Patrizia Eremita
www.mammaelavoro.it