Advertisement
Design

Material Futures, organi umani in mostra al Fuorisalone

Roberto Levati
16 aprile 2016

00_Copertina

‘Material Futures’, questo è il titolo assegnato al gruppo di progetti realizzati dai designer provenienti dalla Central Saint Martins di Londra, con lo scopo di ri-pensare al futuro della società e del design ed esplorare le interazioni tra artigianato, scienza e tecnologia.

I temi affrontati sono davvero variegati, dalle riflessioni sulla gestione delle macerie dopo un terremoto (facendo riferimento al terremoto de L’Aquila) al riuso di capelli umani per impieghi casalinghi ed edilizi, ottimi come isolante termico o come materiale assorbente per olii e grasso.

Il pezzo forte dell’esposizione è sicuramente il progetto di Lesley Ann Daly, che propone un approfondimento sul corpo umano in relazione alle nuove tecnologie e alle nuove tendenze, sempre più rivolte alla cura della persona e al monitoraggio del proprio stato di salute. Nel suo spazio all’interno del padiglione di via Ventura 14, è possibile ascoltare i suoni e i rumori generati dagli organi interni di pazienti affetti da malattie o disturbi alimentari registrati grazie all’impiego di ultrasuoni, il tutto accompagnato dalla riproduzione di ogni singolo organo analizzato.

 


Potrebbe interessarti anche