Green

Mezzi pubblici gratis: si può?

Marco Pupeschi
19 febbraio 2016

Tallinn-25

I mezzi pubblici gratuiti: in Italia basta solo accennare a questa possibilità che scoppiano feroci polemiche, sotto forma di innumerevoli obiezioni e studi di settore…sempre di parere negativo. Che peccato. Eppure molte città europee hanno già adottato la politica della tariffa zero per i mezzi pubblici: l’esempio più evidente è quello di Tallinn in Estonia.

L’esperienza della capitale estone è particolarmente significativa per due ragioni: il primo consiste nel fatto che è la città più grande ad aver adottato un sistema di trasporto locale gratuito per i residenti ed il secondo riguarda il referendum che ha legittimato la scelta dell’amministrazione locale da parte dei cittadini. In altre parole, Tallinn è un esempio di democrazia diretta ed una risposta a coloro che obiettano che il sistema tariffa zero non si può applicare alle grandi città. A Tallinn prima dell’adozione di questo sistema, il trasporto costava oltre 50 milioni di euro dei quali il 34% finanziato dai biglietti, il 10% era pagato da non residenti.

tallinn_cnt_6nov09_istock_b

Il comune ha in questo modo incentivato le persone dei comuni limitrofi a risiedere a Tallinn, assicurandosi così un maggior introito fiscale. I trasporti a tariffa zero vivono di sovvenzioni pubbliche ma anche private: per esempio i negozianti di un grande centro commerciale possono fornire navette gratuite per attirare un numero maggiore di potenziali clienti. I vantaggi di carattere sociale? Accessibilità per tutti, diminuzione del traffico e dell’inquinamento, minori incidenti stradali.
Grazie a Tallinn, l’idea di avere mezzi pubblici gratuiti non resterà un’utopia in eterno. Dovrebbe far riflettere parecchio il fatto che sulla mobilità green ci danno lezioni i paesi dell’Est Europa.


Potrebbe interessarti anche