Advertisement
Musica

Milano: aperitivo in musica!

staff
14 novembre 2011


A Milano esiste un’iniziativa che pochi conoscono: si tratta degli Happy Hour organizzati dalla Fondazione La Verdi. Ogni Venerdì l’Auditorium Fondazione Cariplo apre le porte a tutti i giovani under 35 per un aperitivo, che è al contempo un momento conviviale in una cornice inconsueta e un ottimo preludio al concerto sinfonico in programmazione per la serata. Il costo dell’iniziativa è davvero alla portata di tutti, in quanto con 10 euro si può partecipare all’happy hour e fruire di momenti musicali che rappresentano l’eccellenza della scena musicale cittadina.
L’iniziativa si inserisce in una serie di interventi sul territorio milanese volti ad avvicinare i giovani alla musica classica. Diffondere l’idea che il patrimonio musicale classico non sia necessariamente distante e criptico e che, con le dovute accortezze, possa divenire abitudine della maggioranza, è l’impegno di molti dei centri musicali milanesi. Si pensi agli abbonamenti Under30 del Teatro Alla Scala, in cui ogni serata è preceduta da una conferenza degli artisti coinvolti che portano la loro testimonianza sull’ opera affrontata; oppure l’impegno della Società del Quartetto affinchè tutti i giovani Under26 possano assistere ai concerti della stagione alla cifra simbolica di 5 euro; o ancora, il festival cinematografico Arianteo che ogni estate, nella sede del Conservatorio G. Verdi, antepone alle proiezioni concerti di musica classica tematicamente intrecciati con i film in programma, interpretati dai giovani allievi del Conservatorio. Si potrebbe andare avanti ancora a lungo, a dimostrazione che l’impegno cittadino in questo senso è fortunatamente grande; si tratta solo di diffondere il più possibile queste notizie, affinchè la curiosità di ciascuno possa essere stuzzicata.
Per quanto riguarda venerdì 18, l’Auditorium propone – preceduto da happy hour – un concerto davvero interessante ed emozionante che fa vivere le musiche di due dei compositori prediletti de La Verdi: Ludwig van Beethoven e Petr Il’ic Tchaikovskij. Del grande musicista tedesco verrà eseguito il “Concerto per pianoforte e orchestra n° 2”. Questo fu, diversamente da quanto si può desumere dalla numerazione, il primo concerto composto da Beethoven, eseguito per la prima volta nel 1795 al teatro di corte di Vienna e diretto da Antonio Salieri. La composizione beneficia ancora della forte influenza di W.A. Mozart e di J. Haydn, ed è senz’altro uno dei capolavori per tale organico strumentale. Beethoven ebbe modo di conoscere bene la musica dei due compositori austriaci risiedendo stabilmente dal 1792 alla corte degli Asburgo a Vienna, dove Haydn fu suo insegnante di pianoforte per alcuni anni.
La seconda parte del concerto di venerdì, invece, seguirà le note della “6° sinfonia in Si minore” di Tchaikovskij, meglio conosciuta come “Patetica”. L’opera fu composta dal musicista nel corso del 1893 ed eseguita per la prima volta il 16 Ottobre a Mosca, solo 9 giorni prima della sua morte. Si tratta di una “Sinfonia a programma”, una composizione, cioè, che si prefigge di raccontare una storia con l’ausilio della sola musica. Una storia che in questo caso è “colma di emozione soggettiva”, come ci fa notare lo stesso autore e che segue “un programma che resti enigmatico per chiunque”, destando ancora oggi un senso di mistero e sospensione.
Sul palco dell’Auditorium ci sarà l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, diretta dal M° Zhang Xian, confermata suo Direttore Musicale fino alla stagione 2014/2015. La Xian, che debuttò ventenne in Cina, è ormai da dieci anni conosciuta nell’ambito internazionale, sempre più apprezzata e richiesta dalle maggiori orchestre statunitensi ed europee, fra cui i Wiener Symphoniker, la London Symphony, la Royal Concertgebouw e la Chicago Symphony Orchestra. Al pianoforte, a interpretare le note di Beethoven, invece sarà il napoletano Roberto Caminati: bambino prodigio prima e pluripremiato pianista poi, vincitore dei concorsi internazionali “A. Casella”, “F. Busoni”, apprezzatissimo dalla critica italiana e straniera.
Le repliche del concerto saranno sabato 19 e domenica 20, rispettivamente alle 20.30 e alle 16.00, ma senza Happy Hour per gli Under35!

 

Eva Marti


Potrebbe interessarti anche