Fashion

Milano Unica: la XXI edizione

Mirco Andrea Zerini
17 settembre 2015

On Stage

L’annuale appuntamento con Milano Unica, che si è svolta dall’8 al 10 settembre, ha visto protagoniste le collezioni di tessuti e accessori per l’autunno/inverno 2016-2017, si è conclusa con un bilancio che ha superato le aspettative iniziali.

Oltre 6.300 visitatori e 404 aziende espositrici per un’edizione, la XXI, segnata da un importante cambiamento: Silvio Albini, l’attuale Presidente, ha passato il testimone a Ercole Botto Poala, CEO del Lanificio Reda di Vallemosso (Biella).

Durante le tre giornate milanesi sono molte le novità presentate: Loro Piana ha proposto la linea Zenit con tessuti che nascono da pregiate fibre naturali come le lane Merinos Super 200’s e l’impalpabile cincillà dalla qualità eccelsa e frutto di accurate ricerche; tra essi, per l’uomo c’è Wish, un panno in finissima lana merinos e cashmere, mentre per la donna Cashmere Lightest, pensato per blazer sfoderabili dal peso piuma. Lanificio Colombo ha presentato  tre novità: Thermo 150, un tessuto composto da fibre nobili, idrorepellente e  traspirante, il leggerissimo Air Cashmere, perfetto per abiti di lusso ed Air Silk, in pura seta. Larusmiani spicca per il Luxury Denim, realizzato accostando seta, cashmere e cotone in varie coloriture e Larusmiani Finest Miyabi, una fibra leggerissima ma allo stesso tempo calda e morbida. Reda  propone la prima flanella lavabile in lavatrice interamente realizzata in lana merinos e il tessuto warmsense dalla elevatissima termoregolazione in grado di trattenere il calore. Per Angelico nasce H-Tech class, una gamma di tessuti natural stretch perfetti per il finissaggio antimacchia e antipiega. Leader mondiale nei tessuti per camicia, Albini Group ha presentato le collezioni pensate per i cinque brand del gruppo: Cotonificio Albini punta su un’eleganza moderna, Albini donna traccia l’identikit di una donna classica ma all’avanguardia, Thomas Mason esalta le righe, David & John Anderson cercano di garantire una qualità e una perfezione massima nei tessuti mentre Albiate 1830 rivisita righe e jacquard per renderli più sportivi. Una palette decisamente ricca per Tessitura Monti che continua a stupire con i tessuti classici della camiceria, punta su strutture Oxford, realizzate con speciali finissaggi specifici ed ottenere tessuti fluidi e morbidi. In seguito all’accordo siglato da Tessuti Bocchese srl e Fratelli Tallia di Delfino, Silk Project, la nuova linea prodotta proprio da quest’ultima, vanterà la presenza dei tessuti Winter Silk e Denim Loves Silk di “Bocchese 1908”.

Tra gli accessori brilla Swarovski che sigla una collaborazione degna di nota: lo stilista Jean Paul Gualtier firma i cristalli della collezione del taglio Kaputt, caratterizzato da superfici irregolari e parzialmente satinate che conferiscono un effetto simile ad un meteorite.

Da non dimenticare l’Evento della manifestazione On Stage, una sfilata “en plain air”, patrocinata da MU in collaborazione con The Woolmark Company, lungo Via Montenapoleone, che ha dato la possibilità di presentare le proprie collezioni a 10 nuovi talenti internazionali: dalla Cina Mis Min, Ricostru e Youjia Jin, dall’Italia Ultrachic e Luca Larenza, dal Canada Sid Neigum, dall’India Miuniku, dall’Austria Weber+Weber, dall’Olanda Pieter e dal Giappone Sulvam.

Queste sono solo alcune delle novità esposte a Milano Unica, una fiera che, come confermato da Silvio Albini sta crescendo anche in ambito mondiale grazie alle manifestazioni di Pechino, Shanghai e New York e attrae clienti di sempre più alto profilo.


Potrebbe interessarti anche