Auto

Mille Miglia 2016: nuovi coefficienti e solidarietà

Cesare Lavia
19 maggio 2016

foto copertina

La Mille Miglia è la gara di auto d’epoca più famosa nel mondo e stupisce per i suoi numeri: 3.000 persone coinvolte, 435 macchine in gara, 24% di competitor italiani, 76% di competitor esteri, sessantaquattro case automobilistiche, 2.570 registrazioni, 1.600 collaboratori e 1.500 professionisti.

I modelli di vettura iscrivibili alla Mille Miglia sono quelli dei quali almeno un esemplare abbia preso parte, o abbia completato l’iscrizione, a una delle passate edizioni di velocità (1927-1957): 440 vetture costruite prima del 1957, con Alfa Romeo come Casa più rappresentata, percorreranno circa 1.800 km.

Sono previsti quattro giorni di corsa, per quattro tappe totali. Il 19 si partirà da Brescia per poi arrivare a Rimini, mentre il giorno dopo da Macerata si arriverà a Roma. Il 21 si arriverà fino a Parma, passando nuovamente per gli storici Passi della Futa e della Raticosa. Domenica 22 la Freccia Rossa tornerà a Brescia, non prima di essere passati all’autodromo di Monza.

Novità della Mille Miglia 2016 è l’utilizzo di nuovi coefficienti per il calcolo dei punteggi. Si terrà conto, infatti, sia dell’epoca sia della sportività dei vari modelli che potranno iscriversi alla kermesse, al fine di enfatizzare il valore storico e sportivo di questa corsa entrata ormai nel mito.

L’edizione 2016 si contraddistingue anche per la gara di solidarietà “REGALA UN MIGLIO D’AMORE”, promossa da TimeToLove Onlus.

Con la mitica Mercedes-Benz 300 SL “Ala di gabbiano” della Collezione Bonera Group, TimeToLove percorrerà, non solo miglia d’asfalto, ma anche miglia d’amore e di solidarietà, per ricordare il suo messaggio a tutti gli appassionati che si riverseranno sulle strade e accoglieranno con calore i piloti della Freccia Rossa.

I fondi raccolti saranno destinati alla bresciana “Fondazione Camillo Golgi”, che si occupa dal 1987 di ricerca scientifica in ambito materno-infantile, con un’attenzione particolare al gravoso problema delle malattie rare e delle neoplasie rare, e a “VOA VOA! Amici di Sofia”, Onlus a valenza nazionale, nata nel 2013 per dare assistenza socio sanitaria, sostegno psicologico, legale ed economico alle famiglie con figli colpiti da patologie rare neurodegenerative, diagnosticate in età pediatrica.

 


Potrebbe interessarti anche