Advertisement
News

MiMilano Prêt-à-Porter

staff
7 marzo 2012

MiMilano Prêt-à-Porter, fiera della moda italiana e dei designer emergenti, ha chiuso  con un lieve calo di visitatori. Lo conferma Marco Serioli, direttore exhibitions Fiera Milano, attribuendo la perdita di appeal del MIPAP alla particolare congiuntura economica, in grado di influire in maniera negativa anche sul settore moda. Nessun calo invece nella qualità, che da sempre contraddistingue la manifestazione, con la presentazione di oltre 200 collezioni di abbigliamento e accessori donna per la prossima stagione A/I 2012-2013. I marchi in esposizione provenienti da 13 Paesi hanno conquistato l’interesse dei compratori: premiati gli espositori della sezione Hothouse, che sono stati capaci di coniugare al meglio ricerca, qualità e prodotto. Dei 7.260 operatori che hanno visitato la manifestazione, il 23% proveniva dall’estero: in aumento i visitatori dell’Europa dell’est, i buyer giapponesi, cinesi e del Medio Oriente. Nota positiva, aspettando la prossima edizione che si terrà dal 21 al 24 settembre 2012, il rientro in manifestazione di circa 1.200 operatori che da alcune edizioni non visitavano MIPAP, a conferma del fatto che la qualità presentata quest’anno ha risposto alle esigenze del mercato.

 

Martina Damelio


Potrebbe interessarti anche