Moto

Mobilità elettrica al Tokyo Motor Show 2015: Yamaha presenta PES 2 e PED 2

Francesco Costa
29 ottobre 2015

2015-yamaha-pes2-concept-2

In occasione del Tokyo Motor Show 2015, Yamaha ha lanciato – tra le varie novità – due nuovi concept: PES 2 e PED 2.

A dirla tutta, non si tratta di una novità assoluta, avendo la casa di Iwata già presentato una prima versione dei due prototipi durante l’edizione 2013 del rinomato motorshow nipponico.

Ma che cosa sono questi due modelli e perché sono considerati così futuristici?

Innanzitutto sono due motocicli al 100% elettrici.  PES (il cui acronimo significa Passion Electric Sport) è la versione stradale, mentre la PED (Passion Electric Dirt) è una off-road. Entrambe condividono la stessa piattaforma, costituita da motore elettrico brushless DC con un pacchetto batteria removibile agli ioni di litio. Estremamente evoluta anche la trasmissione, in grado di passare agevolmente dalla modalità automatica a quella manuale. Le prestazioni erogate dalla power unit sarebbero equivalenti a quelle di una normale motocicletta da 125 cc.

2015tms_spv-ped2_concept_1-

Altra caratteristica che le accomuna sono le dimensioni e il peso contenuti: poco superiore ai 100 kg per il modello stradale, addirittura sotto il limite del quintale per la versione off-road. Peso leggero e ciclistica agile fanno chiaramente capire come Yamaha punti a realizzare dei mezzi dotati di una guida maneggevole, sportiva e divertente, su tutti i terreni.

PES 2 è dotata di un design dinamico e futuristico, da cui spicca una forcella anteriore monobraccio equipaggiata con un secondo motore elettrico integrato nel mozzo, che migliora le doti di spunto e ripresa, e la rende di fatto un veicolo a due ruote motrici. Più sobrio e tradizionale l’aspetto di PED 2, concepita per un uso fuoristradistico leggero, silenzioso e ad impatto zero.

Alla presentazione dei primi concept nel 2013, Yamaha dichiarò di puntare alla produzione entro il 2016, ma con il nuovo anno ormai alle porte e l’arrivo di queste due evoluzioni – da Yamaha stessa definiti “modelli sperimentali” – si suppone che l’arrivo su strada di questi motocicli elettrici avverrà in un futuro un po’ più lontano. Non ci resta che attendere!


Potrebbe interessarti anche