Advertisement
Gossip

Monica Bellucci si racconta a MySelf tra bellezza e maternità

staff
28 agosto 2012

«Che noia questa cosa che a 40 anni si è come a 20. Ma ti pare? L’importante è sentirti sicura della tua femminilità». Così l’attrice Monica Bellucci si racconta a MySelf, che le dedica la copertina del numero oggi in edicola.

Le rughe non la preoccupano? «Per ora no. Magari tra dieci anni mi vedrà tutta tirata, chi può dirlo. Non mi va di dire che sono contro il ritocco: ognuno fa un po’ come vuole».

Il corpo? « La perfezione non esiste, e se esistesse la troverei tanto noiosa. Un corpo magro è bello, certo, ma chi l’ha detto che non possa esserlo anche uno più rotondo, con le bracciotte e i seni grandi? È la fiducia in te stessa che conta: se ti senti bene, allora tutto sembra bello. Il mio era già cambiato con la maternità. Sono rimasta incinta a 39 anni e sa una cosa? Ero felicissima che cambiasse, stufa di avere lo stesso corpo di quando ero ragazza, mi sembrava un controsenso, avevo voglia di regalargli un’altra fase. E ho adorato essere incinta e allattare, anche sul set».

Due figlie, Deva è la maggiore, 8 anni, la più piccola è Léonie, 2. «Non le vedo da una settimana. Mi sembra che mi manchi un braccio». Retorica della maternità? Per niente: «Ma chi lo dice che sono tutte brave, le mamme. Alcune sono delle stronze pazzesche!».

E ride. Che mamma è la Bellucci? «Molto italiana, con tutti i difetti del caso. Per esempio, il terrore di perdermi qualcosa della crescita delle figlie. Finora è andata bene: ho lavorato e viaggiato, ma mi sono sempre organizzata per portarle con me o non stare mai via troppo. Averle avute a 40 anni ha i suoi vantaggi».

Tornerebbe ai suoi 20 anni? «Oh no, sono molto più felice e consapevole ora. Il tempo ti porta via delle cose, ma te ne regala altre: vedo 60enni splendide e interessantissime».

 

Fonte: Ansa


Potrebbe interessarti anche