Letteratura

Moreschi: 70 anni in un prezioso volume

Federico Turrisi
25 marzo 2016

5

Moreschi spegne settanta candeline. Tutto ebbe inizio nel 1946, a Vigevano, dalla geniale idea imprenditoriale di Mario Moreschi. In pochi anni l’azienda, grazie alla dedizione della famiglia Moreschi e alla qualità dei suoi prodotti, è stata in grado di affermarsi a livello internazionale e oggi può essere considerata a buon diritto un’ambasciatrice del made in Italy con una distribuzione che tocca ben ottantacinque paesi.
Moreschi. La calzatura italiana tra arte e mestiere” è il titolo del nuovo libro, edito da Rizzoli e curato da Cristina Morozzi, che ripercorre, attraverso un ricchissimo apparato iconografico, i settanta anni di storia del marchio. Il carattere artigianale della produzione – basti pensare che per realizzare una scarpa sono necessari dai 250 ai 350 passaggi manuali –, la cura maniacale per i dettagli, l’utilizzo di pelli pregiate, la ricerca di singolari combinazioni e di abbinamenti arditi sempre nel nome del buon gusto e dell’eleganza sono i principali ingredienti del successo mondiale delle calzature Moreschi. Un brand basato sull’equilibrio fra innovazione e tradizione, un’azienda che ha come parole d’ordine passione e competenza. Questo è in sostanza Moreschi: un mirabile esempio di eccellenza tutta italiana.

Moreschi. La calzatura italiana tra arte e mestiere, a cura di Cristina Morozzi, Rizzoli, pp. 240.


Potrebbe interessarti anche