Advertisement
Fashion

Nasce per Dalai la prima Fashion App “enciclopedica”

staff
16 novembre 2011


Mancava una App che scandagliasse in maniera approfondita e imparziale l’universo della moda internazionale. A lanciarla per primo, contemporaneamente in italiano e inglese, è Dalai editore, che il 9 novembre ha presentato alla Camera di Commercio di Milano – in coda all’Assemblea della Camera Nazionale della Moda Italiana – la Fashion App powered by Enciclopedia della Moda. Alla presentazione hanno preso parte anche il cavalier Mario Boselli, presidente della Camera della Moda, e Stefano Boeri, assessore del Comune di Milano alla Cultura, Expo, Moda e Design.
Ma tornando alla nostra App: si tratta di un innovativo prodotto editoriale, sviluppato da due esperti del settore, Andrea Batilla e Sabrina Ciofi, che hanno raccolto e organizzando a tempo di record oltre 4.700 voci corredate da immagini, per raccontare e descrivere la storia, i luoghi, le aziende e i personaggi nazionali e internazionali che fino ad oggi hanno segnato l’intero universo moda. La Fashion App sarà disponibile fra breve nell’iTunes Store di Apple sia per iPhone (in edizione gratuita), sia per iPad, al prezzo di 2,99 euro.
Il mercato di utenti potenziali della Fashion App by Enciclopedia della Moda è amplissimo, composto da milioni di possessori dei prodotti Apple nel mondo – ha spiegato l’editore Alessandro Dalai – ma è già allo studio la versione della App per Android, la piattaforma concorrente di Apple che viene adottata dalla maggioranza dei produttori di device high-tech, a partire ovviamente dai tablet pc, i veicoli della rivoluzione informatica in atto.
Nata per un pubblico internazionale e – ovviamente – fashion oriented, la Fashion App promette una “user experience” divertente e innovativa, che tocca tutti i protagonisti del mondo della moda, dagli stilisti alle loro creazioni, ripercorrendo la filiera che rappresenta uno dei cardini del sistema-moda italiano. Un prodotto destinato a un pubblico eterogeneo, che va dalle fashion addict agli operatori specializzati, ma soprattutto guarda alla promozione del lusso made in Italy nel mondo. Nel primo anno dalla pubblicazione sono previsti tre aggiornamenti dei contenuti, offrendo così un panorama delle novità sempre updated.

Virginia Grassi


Potrebbe interessarti anche