Advertisement
Gossip

Nina Moric: Non potrei più stare con Fabrizio Corona, siamo diversi

staff
10 novembre 2012

“All’inizio Fabrizio era una persona diversa, con dei valori, poi lui è cambiato, mentre io sono rimasta la stessa”. Così la modella croata spiega a ‘Verissimo’, in onda su Canale5, i motivi per cui il matrimonio con Fabrizio Corona è finito, sottolineando che oggi non c’è alcun ritorno di fiamma: “Non potrei più stare con lui, siamo troppo diversi oggi, diversi nella mentalità, nei valori e nell’educazione”.

Poi la soubrette replica dai microfoni del salotto di Silvia Toffanin alle parole di Fabrizio Corona che, sempre ospite a ‘Verissimo’, aveva definito Nina “una persona molto fragile”: “Io non sono fragile, io sono vulnerabile e sensibile. Sono io che proteggo Fabrizio. E’ lui che ha bisogno di me”. Poi soffermandosi sulla lunga relazione avuta con il fotografo e sulla querelle che ha seguito il divorzio, la showgirl precisa che i rapporti con l’ex coniuge sono migliorati: “Sono e sarò sempre legata a Fabrizio perché mi ha dato la cosa più bella del mondo: mio figlio”.

Nina appare alle telecamere di Canale5 serena, rilassata e migliorata nell’aspetto, che sembra essere tornato più naturale ed è lei stessa a spiegare questo cambiamento estetico, rispondendo alle domande della Toffanin. “Ho tolto le labbra e tutto il resto”, dice alludendo al silicone con cui aveva gonfiato la bocca e altre parti del viso. “Avevo accanto uomini che mi rendevano insicura. Come succede ad un’anoressica” che si toglie il cibo “avevo bisogno di mettere sempre qualcosa in faccia perché non mi sentivo mai a posto”. Il suo ritrovato aspetto più naturale è merito di un medico, che “ha tolto tutte quelle cose che avevo messo”. Maturata la consapevolezza di essere nata bella, ha preso coscienza che il suo aspetto non era più naturale: “Sembravo un vecchio trans”, dice con autoironia, poi più seriamente dice: “Sono d’accordo con la chirurgia estetica ma quando è eccessiva ci si rovina”.

Fonte: LaPresse


Potrebbe interessarti anche