Advertisement
Leggere insieme

Noè e l’ammutinamento sull’Arca…

Marina Petruzio
1 dicembre 2013

COP Quando Noè

Come si costruisce un’Arca meglio di Noè? Da tempo nessuno lo sa.
Ma questa che vede avere come assistente Gek Tessaro è un complesso assemblaggio di assi, doghe, tasselli, travi di forma perfetta, un’ossatura tanto più intricata tanto più solida composta di legni colorati: ciliegio, tek, betulla, chiaro cipresso. Se già l’anima dell’Arca è naturalmente colorata, ancora di più lo sarà finita: tinta di rosso marezzato che dallo scuro muove sino al rosa intenso, passando per l’arancione che un generoso imbianchino sovrappone con ampie pennellate incrociate. Un lavoro, si vede!, di grande soddisfazione a cui rende appieno giustizia la cover lucida dell’albo.

“Quando Noè cadde dall’Arca” di Nicola Cinquetti illustrato da Gek Tessaro per Lapis Editore si presta ad essere un divertente e bellissimo regalo di Natale dove, se il colore esplode incontenibile ad ogni giro di pagina, le risate pure.
Sì, va bene, qualcuno storcerà il naso nel veder trattato così, sbalzato fuori dall’Arca, colpito da uno spaventatissimo elefante, il povero Noè che precipita a capofitto tra le acque increspate che sommergono oramai tutto, andar giù al rovescio mentre le braccia sfarfallando tentano una fumettistica risalita alla vista dell’enorme pesce di bolli e frappe vestito.
Ci si chieda invece chi ha liberato il topo! Il Signore a tal proposito era stato chiarissimo:

”per evitare sull’Arca scompiglio
tu dovrai sempre tenere distanti
I topolini dai grandi elefanti…”

E difatti di topolini, come nota Tommaso, nella splendida sfilata di animali in marcia verso l’Arca non ce n’è! Non vicino al mastodontico elefante, almeno!
Ritagliati singolarmente ed accostati a comporre una folla statica ma che sembra in realtà in progressiva marcia, su differenti piani, in differenti grandezze, gli animali attirano l’attenzione non solo in massa ma nella loro singolarità di animali unici per colori ed espressioni, versi ed odori.

marina1

Insomma, la storia è la solita, vecchia come il mondo, ma lo svolgimento è a tratti inusuale ed esilarante il colpo di scena.
Noè, chiamato a radunare parenti ed animali, incluse le zanzare – ahimè – a due a due, costruisce l’Arca ed attende la piena. Poi, dopo tanta navigazione (che son tanti giorni lo capiamo dall’acqua alta) ad un tratto, avvistata un’isola lussureggiante, i parenti decidono di scendere dall’Arca e di raggiungerla in scialuppa…e succede il patatrac: l’umanità con tutta la sua civiltà corse il pericolo di scomparire in un solo PLUFF! Ripescare Noè non è il difficile, risalire sull’Arca invece un’impresa! Tutti a mollo, Noè e parenti, a causa di un’ondata, la pioggia sempre battente, la scialuppa ormai andata.
E poi arriva il momento degli animali che assistono perplessi dall’Arca. Noè dalle acque ordina una corda, gli animali si agitano, impazziti tutti si mettono alla ricerca e trovato l’arnese si accingono a gettarlo quando…
Ora, parliamoci chiaro, se voi foste mucche o conigli, capretti o maiali, l’uomo l’avreste salvato?
Prima di rispondere pensate bene a cosa mangerete oggi…

marina2

Una particolarità sul testo: sempre ad occupare un terzo della pagina il racconto si presenta in quartine e senza punteggiatura. E se a prima vista questo potrebbe accentuare la funzione narrativa delle immagini, cominciando a leggere ci si rende conto che punti virgole ed esclamativi sono invisibili agli occhi, ma non alle orecchie, cosa che rende il testo molto potente. La musicalità dell’endecasillabo amplifica il ritmo poetico rendendolo più pulito e adatto all’interpretazione durante la lettura ad alta voce, gettando un messaggio educativo molto importante al bambino che si accinge a leggere da solo: che la poesia è prima di tutto un suono, un canto dove la creatività si può sbizzarrire e dove la voce ed il linguaggio hanno una parte da re.

Sotto l’albero, subito!

Marina Petruzio

Quando Noè cadde dall’Arca
di Nicola Cinquetti illustrato da Gek Tessaro
Ed.: Lapis Edizioni
Collana: I Lapislazzuli
Euro: 14,50
Età di lettura: dai 4 anni


Potrebbe interessarti anche