Nostalgici de La Corrida? Ci pensa Italia’s got talent

Marica Cammaroto
24 settembre 2013

italias-got-talent-can5

Che ci propinino nuovi format in sostituzione di quelli del passato (e migliori, ahimè), è un modo per ammettere che, Signori e Signore, non han più nulla da mostrarci. Sabato 21 settembre è andata in onda su Canale 5 la seconda puntata di Italia’s got talent, lo show del sabato sera condotto da una Belen Rodriguez freschissima di nozze e dal sempiterno quanto inutile Simone Annichiarico.
A presiedere la giuria popolare, un insolito terzetto composto da due colonne portanti di Mediaset quali Gerry Scotti e Maria De Filippi e da qualcuno che di musica se ne intende: l’ex presidente della divisione Sony Music Italia, Rudy Zerbi, figlio tra l’altro del conduttore Davide Mengacci, che le nostre nonne ricorderanno senz’altro con affetto. L’obiettivo del programma è quello di scovare tra i tanti pseudo-artisti (e fiaschi) che si avvicendano sul palco, il vero talento italiano.

Italias-got-talent-Maria-De-Filippi-Gerry-Scotti-Rudy-Zerbi

Inutile dire che nonostante gli autori camuffino bene il format, chiunque sarà concorde nell’affermare con gioia che Italia’s got talent altro non è che la millesima edizione de La Corrida: mancheranno i pentolini, i fischietti, le vuvuzela e gli altri simpatici strumenti musicali, ma il livello delle performance spesso è totalmente esilarante e strappa una risata persino ai più riottosi. E’ anche vero che ad esibizioni di questo tipo si affiancano quelle di giovani e meno giovani molto talentuosi che è sempre un piacere scoprire.
Unica nota negativa della puntata del 21 settembre è l’immancabile zampino della nostra De Filippi nazionale: nel bel mezzo del programma spunta Alessandra Amoroso a presentare in anteprima il suo ultimo singolo scritto per lei da Tiziano Ferro, Amore puro, regalandoci come al solito uno dei suoi piantarelli commossi e dandoci l’impressione di essere ancora ad Amici. Non bastava avere intaccato Sanremo col suo televoto, no, dovevano anche intaccare gli ultimi ricordi che avevamo de La Corrida.
Ma evidentemente a noi piace così: tra una risata e una canzone, Italia’s got talent fa sempre ottimi ascolti. Sarà perché è l’ultimo programma un po’ caciarone che ci ricorda la tv all’italiana per come la amavano i nostri nonni e sarà perché al giorno d’oggi, Dio solo sa quanto, abbiamo bisogno di farci una risata.

Marica Cammaroto