Advertisement
Motori

Nuova Mercedes Classe A, tutta un’altra storia

Giorgio Merlino
3 aprile 2012

Salone di Ginevra, stand Mercedes-Benz. I riflettori sono puntati sul debutto mondiale della nuova Classe A: scivola il telo e un’unica sensazione pervade il pubblico, “Wow”!
Dieter Zetsche, Presidente di Daimler AG e Responsabile Mercedes-Benz Cars, ha dichiarato: “Si tratta di un’auto completamente nuova, nei minimi dettagli. L’opportunità di cominciare con un foglio di carta bianca nello sviluppo di un’automobile non si verifica spesso e i nostri ingegneri e designer l’hanno sfruttata in modo convincente” e non ha mai avuto così ragione. Avete presente quella grossa scatola di sardine che la Mercedes osava definire Classe A? Tenetela ben a mente, perché non la rivedrete mai più. La nuova versione ha un design forte, elegante e dinamico allo stesso tempo, il tutto testimoniato dallo spoiler di serie sul tetto e dal ribassamento della vettura di 18 centimetri.
Una vasta gamma di motori benzina e diesel consente di soddisfare qualsiasi aspettativa in termini di potenza. La gamma della nuova generazione di motori a benzina da 1,6 e 2,0 litri di cilindrata spazia dai 90 kW (122 CV) della A 180, passando per i 115 kW (156 CV) della A 200, fino ad arrivare ai 155 kW (211 CV) della A 250, tutti accomunati dall’abbinamento dell’iniezione diretta con il turbocompressore a gas di scarico.
Anche i motori diesel convincono per l’efficienza e l’eco-compatibilità. Il modello A 180 CDI parte con una potenza di 80 kW (109 CV), mentre nella motorizzazione A 200 CDI la potenza massima corrisponde a 100 kW (136 CV)  e per ultimo il modello A 220 CDI possiede una cilindrata di 2,2 litri, 125 kW (170 CV).
Tutti i motori della nuova Classe A sono dotati di funzione ECO start/stop di serie e possono essere abbinati al nuovo cambio manuale a sei marce. Il dinamismo promesso dal design e dalle motorizzazioni viene trasmesso alla strada dall’autotelaio; il baricentro decisamente ribassato e il nuovo asse posteriore a quattro bracci creano i presupposti sia per una guida dinamica sia per il potenziale utilizzo della trazione integrale 4MATIC.
La versione Sport firmata AMG è destinata a sfondare nella categoria delle auto compatte e la sua aggressività sprizza da tutti i pori, partendo dalla nuova mascherina MATRIX.
La Classe A Sport dispone di esclusivi cerchi in lega AMG a 5 razze nel formato 18 con pneumatici 235/40 R 18 su tutte le ruote, di colore nero lucido e torniti a specchio, nonché pinze dei freni verniciate di rosso. Questi dettagli estetici rivelano le particolari doti dinamiche dei modelli A 250 Sport e A 220 CDI Sport, che tra l’altro si distinguono per un avantreno sviluppato da AMG e l’assetto tarato di conseguenza.
Dopo essere rimasti impressionati dagli esterni sportivi, una delusione negli interni non era certo accettabile: ed ecco perché questi ultimi si presentano con un impatto estetico di grande prestigio, grazie al linguaggio formale e la scelta di materiali pregiati.
Oltre a numerosi optional e sistemi di assistenza alla guida – di serie e non – la Classe A è l’unica auto nel suo segmento a essere equipaggiata con un sistema radar anticollisione con Brake Assist adattivo in grado di ridurre i rischi di un tamponamento. Il sistema di assistenza alla guida COLLISION PREVENTION ASSIST emette segnali visivi e acustici per segnalare il rischio di una collisione al guidatore. E non finisce qui.
Gli amanti dello smartphone firmato Apple saranno lieti di sapere che con la “Digital DriveStyle App”, sviluppata ad hoc da Mercedes-Benz e il “Drive Kit Plus per iPhone”, il guidatore ha accesso a tutti i contenuti presenti sul suo iPhone direttamente sul display della vettura e può gestirli, in tutta sicurezza, tramite il controller sul bracciolo centrale. Il sistema si caratterizza per il rivoluzionario design dell’interfaccia utente e in anteprima mondiale per il software di riconoscimento vocale “Siri”.

 

Giorgio Merlino


Potrebbe interessarti anche