Moto

Nuovo Yamaha T-Max 530 2017: il re degli scooteroni sportivi si fa in 3

Alessandro Spada
3 agosto 2017

Sono passati 16 anni da quando Yamaha ha rivoluzionato il mondo dei maxi scooter presentando il suo celebre T-Max. Adesso, dopo innumerevoli successi, oltre 230 mila unità vendute e il meritato titolo di re degli scooter, la Casa di Iwata ha presentato il nuovo T-Max 530 2017 in tre versioni: T-Max (base), T-Max SX (lo sportivo) e T-Max DX (il viaggiatore).

L’estetica non è stata stravolta ma è un’evoluzione della precedente versione: il nuovo gruppo ottico anteriore rende lo sguardo del veicolo ancora più personale e sportivo, mentre le carene laterali più affusolate, la marmitta rivolta verso l’alto e i nuovi fianchetti a “boomerang” lo rendono più slanciato e filante.

Per quanto riguarda il motore è stato confermato il possente bicilindrico frontemarcia di 530 cm3: versatile,  ricco di coppia, capace di accelerazioni brucianti e dotato di una nuova cinghia di trasmissione in fibra di carbonio. Grazie al nuovo impianto di scarico (completamente riprogettato),  alla nuova posizione del catalizzatore e al nuovo filtro dell’aria questa unità adesso rispetta le severe norme Euro4.

Il telaio in alluminio pressofuso e il forcellone allungato di 40 mm, nello stesso materiale, sono progettati per garantire il massimo controllo, un’esperienza di guida di tipo motociclistica e contribuiscono alla riduzione di 10 kg rispetto al precedente modello.

La ciclistica è completata da una forcella a steli rovesciati da 41 mm di diametro, dotata di nuove tarature, e da un nuovo monoammortizzatore (regolabile nella versione DX) che lavora con dei nuovi leveraggi progressivi in grado di garantire un miglior feeling di guida.

Ma il vero fiore all’occhiello di questo nuovo T-Max 530 non è nè la ciclista nè il suo fantastico motore, bensì la sua dotazione elettronica! Lo scooterone sportivo di Yamaha è dotato di acceleratore a controllo elettronico Ride-by-Wire (unico scooter in commercio ad utilizzarlo), chiave elettronica Smart Key, ABS, mappe motore (solo su SX e DX), controllo di trazione TCS e predisposizione per l’installazione del sistema di sicurezza Dainese D-Air. Tutte queste impostazioni sono facilmente visualizzabili e personalizzabili tramite il completissimo schermo centrale TFT.

Il T-Max costa 11.490 euro in versione “base”, che salgono a 12.290 per il modello sportivo SX. Per la variante più ricca, ossia il DX, servono ben 13.490 euro, in parte giustificati dal fatto che, oltre alla dotazione dell’SX, ha accessori come il cruise control, il parabrezza regolabile elettronicamente, sella e manopole riscaldate.


Potrebbe interessarti anche