News

Oh my Macef!

Giovanna Navassa
20 settembre 2013

Giovanna130920

Come descriverei il Macef? Il Paese dei Balocchi. La mia compagna di avventura, la mamma, è rimasta letteralmente abbagliata dai milioni di lustrini, paillettes, pietre e ciondoli che animavano il settore bijoux. L’impressione era quella di essere state catapultate in un mercatino mediorientale talmente ricco di oggetti da non sapere più da che parte guardare. Altro settore, altro scenario. Nel reparto complementi d’arredo e casa ci siamo ritrovate immerse nel mondo dei film natalizi hollywoodiani, luci soffuse, camini, ambientazioni magiche e scenografiche. L’emozione comune di chiunque abbia il desiderio ardente di avere una casa arredata esattamente in quel modo.
La pecca? Nulla poteva essere acquistato a meno che non si fosse un negoziante… Immaginate la cocente delusione negli occhi di mamma..

Giovanna130920(1)

Fortunatamente l’ultimo settore, Tavola e cucina, ha risollevato gli animi di tutti. Assaggini di torte, muffins, biscotti con pasta di zucchero, ma anche filetto cotto sulla pietra di sale, panini alla mozzarella preparati con gli accessori migliori presenti sul mercato e… Birra! Questa è stata la vera rivelazione della Nostra kermesse. I ragazzi di 32 Via dei Birrai di Treviso (www.32viadeibirrai.com) ci hanno deliziato con una fantastica birra artigianale, totalmente vegana e naturale al 100%.

Giovanna130920(2)

Ma non solo: è una birra Fashion, si può acquistare solo tramite piccoli rivenditori selezionati, nonché presso la Rinascente e il Trussardi Cafè. Ciliegina sulla torta: una volta finita la bottiglia, il tappo, assieme ad un gadget regalato all’acquisto, diventa un carinissimo portachiavi e il portabottiglia di legno in dotazione si trasforma in un amplificatore per sentire la musica dal proprio smartphone.
Insomma…un pomeriggio emozionante… grazie Macef!

Giovanna Navassa

Giovanna Navassa, classe 1987, studentessa di Giurisprudenza, violinista ma soprattutto food&travels lover: datemi in mano un biglietto aereo per fare il giro del mondo e un taccuino su cui annotare le ricette che incontro sulla strada e mi farete la donna più felice dell’universo!


Potrebbe interessarti anche