Leggere insieme

Oh-Oh!

Marina Petruzio
21 aprile 2013

Secondo incontro con un albo candidato al Premio Andersen – Il Mondo dell’Infanzia 2013, che dal 1982 è il più prestigioso riconoscimento italiano alla letteratura per bambini e ragazzi, ai suoi autori, illustratori ed editori. Con un’attenzione particolare a tutto quello che di più innovativo ed originale è stato pubblicato nel corso dell’anno. Suddiviso per fasce di età, premia inoltre: il Miglior libro di Divulgazione, il Miglior Libro fatto ad Arte, il Miglior Albo Illustrato ed il Miglior Libro mai Premiato…nessun escluso direi!

In attesa di conoscere i vincitori di quest’edizione 2013 – la volta precedente vi ho presentato “A CHE PENSI?” di Laurent Moreau uno dei tre candidati nella sezione “Miglior Libro fatto ad Arte” – oggi vorrei parlarvi di
“OH – OH!” di Chris Haughton, edito da Lapis, candidato nella sezione “Miglior Albo Illustrato 0/6 anni”.

La storia ci racconta di un Gufetto che dorme appollaiato al piano più alto di un albero-trespolo.
Dorme si vicino alla sua mamma ma, forse in cerca di un briciolo di autonomia e di affermazione di sé, come succede a quell’età, non così tanto da ritenersi al sicuro.
E difatti, abbandonato ad un sonno profondo, il Gufetto perde l’equilibrio e precipita sino a terra! Ci vorranno tre rimbalzi per fermarlo!
Gli animali della foresta, ben nascosti tra gli alberi, seguono curiosi e stupiti l’accaduto. Sarà l’irrequieto scoiattolo a soccorrere il Gufetto che, smarrito e spaventato, ora chiederà della sua mamma. Comincia così la ricerca di mamma Gufo tra i diversi animali.

Se la trama è un dejà-vù di altri albi e cartonati per la prima infanzia, altrettanto non si può dire per le soluzioni cromatiche trovate, sempre accattivanti per l’occhio e la fantasia anche del più piccolo lettore, il cui interesse visivo e la cui attenzione saranno catturati dalla prima all’ultima pagina.

Solo nelle prime pagine il colore, usato sempre piatto nel resto dell’albo, dà profondità alla foresta: il sole che tramonta la tinge di arancione, l’orizzonte alberato arancione scuro ed alcune quinte più chiare ci indicano che questo è un luogo vasto e fitto. Il primo trucco legato ad una mezza pagina da voltare, veloce, per scoprire subito cosa accade al Gufetto in bilico.
La traiettoria della caduta del Gufetto tratteggiata in bianco su fondo colorato ci fa capire quanto è stato alto il salto, i tre balzi finali accompagnati dall’onomatopeico Tump,Tump,TUMP l’ultimo dei quali in maiuscolo, seguito dal gesto della mano di chi legge che segue i balzi strapperanno sicuramente una risata, la prima.
Nella stessa pagina, seconda trovata “cogli-attenzione”, si può giocare a trovare i curiosi nascosti dagli alberi e mimetizzati coi colori della foresta.
Gli alti alberi neri in primo piano, il terreno blu, colore complementare all’arancione, ci dicono che sì, questo è un posto dove non girar da soli! Mentre il verde del fondo ne chiude l’orizzonte.
Gli occhi bianchi del gufo e dello scoiattolo catturano lo sguardo del lettore e lo centrano sulle due figure: è lì che si svolge la storia, la pagina potrebbe essere cupa come la notte ed invece i colori brillanti così come la sagoma di mamma Gufo in lontananza, ma sempre presente e da scovare assieme, rasserenano il piccolo lettore.
L’alternanza delle pagine: colore – bianca, bianca – colore, doppia pagina bianca e così di seguito, rendono vivace il tempo dello sfogliare e danno il ritmo incalzante della ricerca attraverso un corsa prima su e poi giù alla ricerca della mamma, che trova una pausa solo nella doppia bianca ogni volta che si presenta una possibile candidata! (Si perché lo scoiattolo sarà sì di buona volontà ma lui una mamma Gufo non sa neppure com’è fatta!)
Ed anche il Gufetto che sembra infilato per la notte in un “all-in-one” Fair Isle della miglior tradizione irlandese (patria dell’autore, non a caso) lo rende a misura di lettore e subito infinitamente simpatico.

Insomma, un albo festoso e super ritmato che ci racconta che interagendo si attivano delle connessioni interessanti, si può arrivare più lontano, si può essere amici anche se diversi.
Opera prima dell’autore già tradotta in 19 lingue e con al suo attivo ben 9 premi in sette Paesi tra cui il Dutch Pictur Book of the Year, “Miglior Libro da Leggere ad Alta Voce”… sarà l’Andersen il decimo? Che ne pensate voi?

Marina Petruzio

OH–OH!
di ed illustrato da Chris Haughton
Editore LAPIS Edizioni
Collana I LAPISLAZZULI
Euro 13,50
Età di lettura: dai 2 anni


Potrebbe interessarti anche