Lifestyle 2

Pacco? IndaBox!

Martina D'Amelio
22 febbraio 2015

COPERTINA pacchi_al_bar

Ritirare i pacchi dei nostri acquisti online direttamente al bar? Ora è possibile. Scopriamo come grazie a IndaBox, un innovativo servizio che è già un successo e nasce dalla creatività di tre giovani torinesi.

Lo shopping online aumenta a vista d’occhio, ma le problematiche connesse al ritiro della merce sembrano non migliorare. Che tu abbia ordinato un paio di scarpe all’ultima moda, un nuovo televisore o quel numero del tuo fumetto preferito che proprio ti mancava per completare la collezione, non è detto che li stringerai tra le tue mani secondo i tempi prestabiliti.

Lavoro e studio rubano tutto il tuo tempo libero e matematicamente quando passa il corriere tu non ci sei? Sei costretto ad affidarti ad amici, suocere, vicini di casa che attendono al posto tuo uno squillo del citofono che sovente arriva quando meno se lo aspettano? Allora potresti essere tu uno degli inventori di IndaBox.

Eh già, perché la nuova rete di bar, edicole e tabaccherie presso le quali puoi far spedire i tuoi acquisti online e ritirarli quando vuoi al costo di soli 3 euro è nata proprio «per esigenze puramente personali». Parola di Michele Calvo, uno dei tre giovanissimi fondatori, tutti torinesi. «Quando effettuavamo acquisti online eravamo costretti a chiedere favori ad amici e parenti o ancora peggio dopo aver ricevuto l’avviso di giacenza nella casella della posta eravamo costretti a fare delle lunghe gite al deposito del corriere per ritirare i nostri pacchi. Immancabilmente l’esperienza d’acquisto risultava rovinata dallo stress e dall’ansia, mentre il desiderio di ricevere al più presto la merce restava sempre altissimo». Un’esigenza colmata dalla recentissima creazione di IndaBox.

Ma com’è nata? « Dopo aver razionalizzato l’idea durante un aperitivo estivo, il giorno dopo abbiamo iniziato con entusiasmo a costruirla. In 5/6 mesi siamo riusciti a creare il sito, una piccola rete di bar nella città di Torino, una brand image e tutti gli aspetti legali per la tutela degli utenti e per la costruzione della società. Con coraggio, convinzione e sforzi finanziari personali dopo 6 mesi circa abbiamo lanciato il website. Passione, divertimento e coraggio sono i tre ingredienti che ci hanno aiutato e che ci hanno dato grande energia».

immagine 1-indabox 

Un sito, quello di IndaBox (www.indabox.it) facile e semplice da usare: in esso si può consultare l’elenco dei locali più vicini che hanno aderito al servizio. Una volta scelto il bar (o la tabaccheria, o l’edicola, o il punto vendita Carrefour, grazie a una recente partnership) si può procedere ad acquistare online su qualsiasi sito di e-commerce. Per utilizzare il servizio basterà specificare nell’ordine come indirizzo di consegna quello del bar prescelto su Indabox. Dopo aver ordinato, con un semplice click su Indabox.it si avverte il bar della spedizione. Una volta che il corriere consegna i prodotti, il bar invia un sms all’utente, avvisandolo che i pacchi sono pronti per il ritiro: il tutto a soli 3 euro.

immagine 2-indabox

Ma perché proprio i bar sono protagonisti dell’offerta IndaBox? «I bar sono luoghi di fiducia, una delle attività più diffuse in Italia e con orario continuato» ci spiega Michele Calvo. «Con IndaBox è possibile trovarsi con gli amici per un aperitivo e nello stesso tempo ritirare e aprire gli acquisti online. Ad oggi abbiamo più di 1300 punti di ritiro e abbiamo l’obiettivo di estendere la rete a 3000 punti di ritiro entro la fine del 2015. Stiamo anche consolidando la partnership con Carrefour, che a breve ci darà la possibilità di estendere il servizio IndaBox dopo i Market anche all’insegna Express». Se le parole del giovane fondatore di questo innovativo servizio non vi hanno convinto, testatelo voi stessi: è possibile farlo gratuitamente. Registrandovi al sito e completando il profilo, otterrete un bonus che vi consentirà di utilizzarlo gratuitamente. E di ritirare il vostro pacco con calma, magari davanti a un buon caffé.


Potrebbe interessarti anche