Fotografia

Paesaggi come percezioni: il sapore della fotografia

Rachele Martignoni
27 novembre 2013

1459684_392421407558057_1721152854_n

L’arte culinaria e la fotografia d’autore si fondono in un unico percorso sensoriale; questa è l’idea che sta alla base di Paesaggi come percezioni, evento realizzato da Fotonomica il 21 novembre a Milano.
Nata da un progetto del fotografo milanese Daniele Portanome, Fotonomica è una galleria online che espone esclusivamente opere di fotografi italiani contemporanei vendute in tiratura limitata. La piattaforma online, che offre anche l’opportunità di avvicinarsi alla fotografia attraverso workshop di formazione e approfondimento, promuovendo arte e cultura, è una dimensione collettiva all’avanguardia, caratterizzata da un “coworking” creativo.

1464669_392421547558043_1805084689_n

L’evento è stato ospitato dall’Upcycle café (Via Ampère 61), un ex garage abbandonato, oggi ben gestito dalla società Avanzi, nonché sede lavorativa di Fotonomica. All’interno dell’ampio spazio industriale, che ci rimanda alle atmosfere minimaliste nordiche, è stato creato un percorso gustativo e visivo.
Alle creazioni della brava chef Francesca Baccani sono state affiancate infatti le 25 opere dei fotografi Fabio Barile, Davide Catullo, Federico Ciamei, Pierfrancesco Celada, Matteo Cirenei, Alessandro Grassani, Martino Lombezzi, Simone Mizzotti, Lorenzo Mussi, Pio Tarantini, Roberto Toja.

1477973_392421554224709_1369320857_n

Cous cous, cioccolato, pepe, menta, sono diventati così, con grande estro, alcuni tra gli ingredienti perfetti per fare emergere i colori, le linee e l’essenza dei paesaggi rappresentati dagli artisti.
In un ambiente amichevole, senza alcuna barriera tra il pubblico e le opere esposte, Fotonomica è sicuramente riuscita a trovare la ricetta perfetta e il giusto compromesso tra arte e gusto.

Fotonomica di Daniele Portanome
Via Ampère 61/A, 20131 Milano
www.fotonomica.com

Rachele Martignoni


Potrebbe interessarti anche