Letteratura

Paola Buratto Caovilla presenta Life is Beautiful

Valentina Nuzzi
27 novembre 2014

caovilla-Life-is-Beautiful

Paola Buratto Caovilla ha presentato Life is Beautiful, un libro dedicato alla personalità poliedrica del padre Zeno Buratto, che ripercorre i momenti salienti della sua straordinaria vita. La pittrice e creativa Paola, che collabora attivamente con la Maison di famiglia René Caovilla, ha compiuto con il libro una grande dichiarazione d’amore nei confronti di un padre speciale, considerato quasi come una figura mitica: un cosmopolita ante litteram che girava il mondo per aiutare gli altri, che ha dedicato la sua vita alla ricerca per creare delle protesi ortopediche in grado di salvare le vite di tantissimi “bambini serpente”, ovvero nati senza gambe e costretti a strisciare per terra. Ne emerge il ritratto di un imprenditore generoso, mecenate ed ironico, che non ha mai smesso di fare del bene fino alla sua morte all’età di 90 anni e che Paola vorrebbe ergere ad esempio per le generazioni a venire. Abbiamo rivolto alcune domande all’autrice in occasione della presentazione del libro a Villa Necchi Campiglio, ecco le sue risposte:

Da che cosa nasce la necessità e la voglia di mettersi in gioco scrivendo un libro?
“Dalla necessità di parlare ai ragazzi e dire che ho avuto un padre speciale. Vorrei che tutti avessero avuto la possibilità di avere un padre come il mio”:

Scrivere è l’attività che meglio si presta a far riaffiorare emozioni e ricordi. Che cosa ha imparato di lei stessa durante la stesura di questo libro?
“Ho imparato che scavare in sé stessi ti porta lontano e ti porta a conoscerti meglio”.

Parliamo di “libro” ma si tratta in realtà di un progetto più complesso, pieno di disegni, appunti di viaggio e fotografie d’epoca. Che ruolo ha e ha avuto l’arte nella sua vita?
“Basilare. La creatività è nata con me, l’arte è sempre stata in casa nostra: c’era un immenso tavolo con tutti i colori di tutti i tipi con cui noi potevamo scrivere e disegnare”.


Potrebbe interessarti anche