Food

Ricetta della settimana: pennoni di gragnano con pomodoro, stracciatella di burrata e ‘nduja

Simona Micheletto Castelli
2 novembre 2013

131102 Ricetta_piatto

Marco Bellezza, executive chef Obikà UK, propone una ricetta semplice e veloce con ingredienti naturali e di elevata qualità.
I pennoni di Gragnano, realizzati con il miglior grano duro italiano, e i pomodori pelati La Motticella, preparati in modo tradizionale vengono esaltati dall’abbinamento con la stracciatella di burrata, dolce e cremosa, e la ‘nduja calabrese di Spilinga, piccante presidio Slow food.

Ingredienti per 4 persone:
Per la salsa Motticella: 1 barattolo da 780 grammi di pomodori biologici La Motticella, 10gr di basilico, 5gr di sale, 20gr (2 cucchiai) di olio extra vergine di oliva
Per la pasta: 400gr di pennoni di Gragnano, 250gr di stracciatella di burrata, 10gr (1 cucchiaio) di olio extra vergine di oliva, 125gr di ‘nduja di Spilinga, qualche foglia di basilico fresco, 20gr di parmigiano reggiano DOP, 600gr di salsa Motticella

Tempo di preparazione: 30 minuti

Procedimento:
Per la salsa Motticella: lavare e asciugare il basilico. Aprire il barattolo di pomodori biologici La Motticella, eliminare l’acqua in eccesso e lasciarli scolare per 5 minuti. Versare i pomodori in un recipiente e aggiungere il basilico, il sale e l’olio extra vergine di oliva. Con l’aiuto di un frullatore ad immersione frullare tutti gli ingredienti per 10 secondi e conservare in frigo fino al momento dell’utilizzo.

Per la pasta: cuocere i pennoni in acqua bollente e salata per circa 18 minuti. Nel frattempo prendere una padella, versare e riscaldare un filo di olio. Appena l’olio è caldo incorporare la salsa Motticella preparata precedentemente e la ‘nduja. Amalgamare tutti gli ingredienti a fuoco medio. Si consiglia di non cuocere troppo la salsa Motticella per mantenerne inalterate la qualità e le caratteristiche organolettiche. Scolare la pasta molto al dente. Aggiungere la salsa e lasciar cuocere il tutto ancora per un paio di minuti.
Impiattare la pasta appena cotta, adagiare sopra la stracciatella di burrata, del basilico fresco e spolverare con del parmigiano reggiano DOP. Condire con un filo d’olio extra vergine di oliva a crudo.

Vino consigliato:
Lo chef suggerisce di abbinare la ricetta con il Cirò Bianco Librandi, un vino bianco calabrese dal gusto corposo e deciso ma non troppo fruttato, che ben si accompagna alla dolcezza della stracciatella e della salsa Motticella.

Simona Micheletto Castelli

131102 Ricetta_chef

La ricetta è stata suggerita da Marco Bellezza, perugino, 28 anni, attualmente executive chef di Obikà UK.
La sua passione per la cucina nasce in tenera età, quando da piccolo aiutava la mamma, capo cuoca di una villa in Liguria, a preparare le varie pietanze. Giocando tra tagliatelle, ravioli e crostate fate in casa decide poi di seguire le sue ambizioni iscrivendosi all’Istituto Alberghiero di Assisi e già dall’età di 14 anni inizia a lavorare come aiuto cuoco durante il fine settimana e nelle stagioni estive. Appena diplomato sceglie di lasciare l’Italia per scoprire nuovi tipi di cucina. Gira il mondo e lavora in Belgio, New York, Toronto, Bruxelles e Londra.
La cucina di Marco Bellezza è una cucina semplice che utilizza ingredienti genuini e di elevata qualità, ricercati e di nicchia e punta ad esaltare e mantenere inalterato il sapore tipico degli alimenti.
Obikà – Mozzarella Bar, Pizza e cucina | www.obika.com


Potrebbe interessarti anche