Psicologia

Pensare in modo innovativo

Barbara Micheletto Spadini
13 febbraio 2014

unnamed

“Il genio è per l’1% ispirazione e per il 99% sudore.” Thomas Edison

Molte volte, quando si parla di innovazione, piccola o grande che sia, si tende a dedicare la maggior parte del proprio tempo, energia ed attenzione solo a quell’1% iniziale – ossia la caccia esaltante all’idea che stravolge tutto.

La vera sfida innovativa sta dietro a quell’idea ed è nel viaggio lungo e difficile che parte dall’idea iniziale fino ad arrivare all’impatto finale. É solo quando pensiamo in modo diverso che agiamo in modo diverso e possiamo ottenere risultati straordinari ed è questo l’atteggiamento mentale dell’innovazione.

Facile a dirsi, più difficile a farsi, il cambiamento fa paura e questo è vero sia che si tratti di un individuo o di un’azienda. Ecco allora come pensare in modo diverso in 5 passi.

1. Porsi domande
Non tutte le idee meritano di avere un seguito. Il primo passo è quello di ridurre le idee a opportunità; puoi iniziare a valutare se un’opportunità è buona chiedendoti: “Voglio davvero dare un seguito a questa idea? È in linea con il mio scopo? Posso realizzarla? È in linea con le mie competenze? Se dovesse decollare nel modo migliore, i benefici che ne ricaverò ne varranno la pena? Se qualcosa dovesse andare storto, c’è il rischio che l’eventuale danno sia irreparabile?” Osa cogliere tutte le opportunità che aderiscono a questi criteri. Crea dei meccanismi per creare dei fondi e risorse per le opportunità; fai in modo di avere svariate opportunità ed assicurati che queste si amplino in maniera equilibrata. Raccogliere queste opportunità è solo un piccolo passo, come una pianticella appena nata. Quello che devi fare è nutrire questo germoglio con pazienza, fino a farlo diventare un grande albero con radici ben piantate nel terreno e un tronco possente.

2. Il Pensiero “E”
La sfida successiva è raggiungere un equilibrio corretto fra l’ottenere il più possibile da queste opportunità E continuare a eccellere nel proprio lavoro, ovvero portare avanti le nuove idee e i vecchi progetti contemporaneamente senza che la qualità di uno dei due venga meno. A livello aziendale, molte organizzazioni dedicano tempo e risorse per portare più creatività al loro interno, ma poche sono quelle che riescono nell’intento. La sfida non è solo quella di far sì che l’innovazione avvenga e abbia successo, ma di farlo senza che l’eccellenza nel lavoro venga meno. Se non c’è equilibrio tra questi due elementi è meglio non imporre cambiamenti di grande portata che potrebbero compromettere il successo dell’attività. Meglio aspettare tempi più maturi.

3. Pienezza di risorse
Crea un clima dove la pienezza di risorse venga incoraggiata e ricompensata. Dai enfasi a storie di organizzazione, enfatizza gli ostacoli che i dipendenti – o persone che hanno fatto quello che vorresti fare tu – hanno attraversato per raggiungere i risultati, dimostrando che è possibile anche per te. Sapere che qualcuno ce l’ha fatta prima di te, è un grande stimolo per portare avanti i tuoi progetti!

4. Sii flessibile
Focalizzati sui risultati invece che sulle attività. Sii innovativo/a anche nella pianificazione, concentrandoti sull’apprendimento, considerando l’innovazione come un esperimento disciplinato. Viene eseguito ciò che viene misurato e su cui puoi avere un riscontro. Se un aereo in volo da Dallas a New York abbassasse la sua rotta di un grado, finirebbe nell’oceano; in realtà molti aerei sono fuori rotta di un grado per il 95% delle volte e tuttavia atterrano esattamente dove devono atterrare.
Come fanno a farlo? Una ragione chiave è questa: il pilota ha un piano di volo di massima e lo corregge spesso in modo dinamico. E così anche in azienda (ma anche nella nostra vita personale). Sii abbastanza flessibile da correggere la rotta, in caso di ostacoli non previsti o nuove idee a cui non avevi pensato prima.

5. Allarga la torta
Nel momento in cui il modello di business – o in generale il tuo nuovo progetto – si sarà stabilizzato, fai in modo di avere predisposto dei sistemi per “allargare la torta”, sviluppando nuove idee, nuovi modi per portare valore ai tuoi clienti, nuove maniere per utilizzare i tuoi talenti e metterli al servizio degli altri.
L’innovazione, cioè la capacità di pensare ed eseguire discostandosi da qualcosa che esiste già, è ciò che rende distintiva un’azienda o una persona (pensa a Steve Jobs) e una fonte di successo duraturo.

Esercizio di chiusura per i lettori di Luuk Magazine: crea un album di mentori
Chi ha già fatto cose simili a ciò che vuoi fare tu? Chi è un esempio di creatività e innovazione? Colleziona informazioni su come queste persone ce l’hanno fatta, raccogli le loro foto, le loro bio, le loro storie.
In cosa credono? Come vivono? Quali ostacoli hanno superato? Come? Cosa pensano?
Senza bisogno di diventare esattamente come loro, lasciati ispirare dalla loro vita per creare i cambiamenti e le innovazioni che desideri.

A cura di Barbara Micheletto Spadini
Credits foto Stefano Martinelli


Potrebbe interessarti anche