I nostri blog

People we like: Raffaella Ruggeri

staff
3 giugno 2011


E dopo Ines de la Fressange ecco per voi un’altra figura femminile che stimo e apprezzo: Raffaella Ruggeri. Dopo tanto H&M, Zara, Mango (che sia ben chiaro, non denigro, perché al momento costituiscono un buon sessanta per cento del mio guardaroba!) finalmente parliamo un po’ di sartoria. La sartoria che io amo. Un mio desiderio, non ancora realizzato, sarebbe quello di farmi creare su misura un abito da me disegnato. Ogni tanto, tra un libro e l’altro, disegno bozzetti che restano sempre e solo pezzi di carta colorati. E questo perché FARSI CREARE UN ABITO SARTORIALE COSTA, E ANCHE PARECCHIO! Ma immaginate come potrebbe esser bello indossare un vestito che voi avete disegnato e che solo voi possedete! Certo, girar per negozi è bellissimo, ma per chi come me ha sempre le idee molto chiare, trovare quello che si cerca non è esattamente sempre facilissimo.
Ma perché vi dico questo? Perché oggi mi piacerebbe presentarvi la Signora Ruggeri che, nel cuore di Brera (posto che io adoro incommensurabilmente) ha aperto il suo appartamento-atelier per ospitare e soddisfare clienti esigenti, come me, magari solo un po’ più abbienti! Per chi ne avesse la possibilità, farsi creare un abito su misura sarebbe sicuramente un’esperienza meravigliosa. Le prove per misurare esattamente la taglia o per sistemare la lunghezza dell’abito per me non sarebbero noiosi impicci ma, piuttosto, un modo per ritornare indietro nel tempo, quando gli abiti erano solo opere di sartoria. Immagino specchi e spilli, metri e bozzetti, tanta passione. La cura nella scelta dei materiali, dei bottoni e dei modelli.
Questo tuffo nel passato e nell’eleganza è possibile da Raffaella che crea abiti ad personam. Lo fa ospitando le clienti in un ambiente caldo ed estremamente elegante dove regnano i colori pastello. Gli stessi colori che lei indossa. Non la vedrete mai vestita di nero o di blu. In via Marsala 2, sarete accolti in un appartamento al primo piano “dal parquet biondo, dai tappeti-arazzo a piccolo punto, dalle delicate console neobarocche e dai manichini ricamati a mano”. Tutto è curato. Nulla è lascato al caso. La particolarità che rende Raffaella così richiesta dai suoi clienti? La sua capacità di girare i mercatini di tutt’ Europa per cercare la passamaneria unica, gli introvabili bordi di pizzo che rendono le sue creazioni veri e propri gioielli.
E poi pensate all’aspetto emozionale della sartoria: pensate al rapporto che si crea con chi realizzerà il vostro vestito. Lei vi conoscerà, conoscerà i vostri gusti e chissà, forse potreste diventare grandi amiche, si stabilirebbero rapporti di fiducia e di stima reciproca. Come accadeva un tempo. Sospiro pensando a quanto sarebbe bello avere una Raffaella Ruggeri anche qui, una Raffaella che dia vita ai miei bozzetti. E voi, se potete farlo, cosa aspettate? Per me sartoria fa rima con maestria.

 

St.efania