Advertisement
Leggere insieme

Per favore Signor Panda

Marina Petruzio
8 maggio 2016

FullSizeRender

Per favore Signor Panda è il primo albo di Steve Antony tradotto in italiano, chiedendo per favore, da Zoolibri.
Un Signor Panda perplesso, anche un po’ seccato, ci accoglie sulla cover. In testa una bustina bianca, quella dei gelatai americani anni ’50 o dei venditori di ciambelloni. Tra le braccia una scatola di ciambelloni – appunto! – ricoperti da una dolce glassa colorata con gli zuccherini a guarnizione e la crema dentro. C’è da leccarsi i polpastrelli delle dita dalla bontà! Soprattutto se poi si decide di entrare, – nell’albo dico! –  dove un tripudio di ciambelloni colorati, fragranti e profumati – ben 128 – attendono chiunque abbia la curiosità di andare a capire perché il Signor Panda è seccato…sì, c’è un intruso, sembra arrivato prima, ma non diamogli peso…oppure sì?
Mettiamo anche noi un piede nell’altra pagina.
Ci sono anche Nan e Frank, a cui è dedicato l’albo. Sicuramente altri due golosi di ciambelloni!

1

Il Signor Panda, che da solo occupa tutta la pagina, ha un vassoio di dolcetti che vorrebbe condividere. Così inizia a percorrere le pagine dell’albo in cerca di qualcuno a cui piacciono.
“Ciao. Ti andrebbe un dolcetto?”, lo sentiamo chiedere – con voce profonda e mono tono -, via via, a tutti gli animali che incontra.
Li riconoscete? C’è un pinguino, una puzzola, un altezzoso struzzo – anche un po’ antipatico -, un’orca. Per andare ad offrirle i suoi dolcetti il Signor Panda è arrivato sino in mezzo al mare in barchetta…sarebbe quanto meno gentile ringraziarlo, invece…
Ecco, infatti, ricordiamoci questo.
E ancora…l’intruso, quello dei risguardi all’inizio!

panda1
A tutti il Signor Panda rivolge la stessa domanda e, nonostante tutti siano felici dell’offerta e scelgano il colore e ne vogliano uno, a tutti, ma proprio a tutti, il Signor Panda alla fine dà la stessa risposta seccata: NO, niente dolcetto per te. Ho cambiato idea. E ancor prima di finire la frase si è già voltato di spalle e se ne sta andando.
Qualcosa non va…Eppure i dolcetti li vorrebbero tutti.

2

Dopo il risguardo, molto colorato, il tono – pittorico – dell’albo cambia.
Ci troviamo immersi in un grigio, una mezzatinta non piatta – scelta particolare come colore di fondo per un albo illustrato, ma l’autore è daltonico e le sue scelte cromatiche molto selezionate – sul quale spiccano i neri: sfumato è un po’ polveroso quello del Signor Panda, deciso e pieno quello del pinguino e della puzzola, il bianco e i dolcetti coloratissimi. Una palette decisamente ristretta ma di grande efficacia. L’impostazione molto british prevede un solo personaggio per pagina.
Ma la vera sorpresa sta nei risguardi di quarta di copertina, in fondo all’albo!
Lo riconoscete?
È il lemure! L’intruso tra i dolcetti, colui che ha seguito il Signor Panda sino alla fine dell’albo o forse i dolcetti? Quello che se lui è diritto noi siamo a testa in giù e viceversa! Quello che si è aggiudicato l’intero vassoio di ciambelloni! Perchè lui sì e gli altri no?

3

La storia è semplice ma il concetto, quello della gentilezza nel porsi e nel rispondere non sempre scontato, qui è raccontato in modo semplice e divertente.
Ogni pagina presenta una sorpresa: dall’intruso nei risguardi di prima di copertina allo zampone del panda che entra nel libro con voi che lo state leggendo, il ritmo dato dalla domanda e dalla risposta sempre uguale a dar corpo ad una specie di ritornello che piacerà molto ai più piccoli.
E quelle tre parole semplici da dire ma, così difficili da ricordare: per favore, grazie e prego.

4

 

Per favore Signor Panda
di e illustrato da Steve Antony
Tradotto chiedendo per favore da Zoolibri
Collana: Gli illustrati
Editore: Zoolibri
Euro: 16,00.
Età di lettura: per tutti quelli che ancora non dicono per favore, grazie e prego!


Potrebbe interessarti anche