Advertisement
Leggere insieme

Per grandi e piccini: l’alfabeto… dei sentimenti!

Marina Petruzio
10 novembre 2013

cover_marina

Dalla A alla Z, passando anche per l’H – che ha pure la sua importanza. E’ un alfabetiere particolare questo albo appena uscito, e già in ristampa, da Fatatrac.
Sin dal formato lungo e stretto dove sulla doppia pagina, in perfetto equilibrio, convivono testo, illustrazioni ed il silenzioso bianco che da solo riempie e fa vivere lo spazio evocativo del loro e del nostro essere.
Un alfabeto che per ogni lettera, e ce ne sono proprio ventuno, ci racconta con l’ausilio della forza della rima un sentimento. Tutti i sentimenti. Dall’A di Amore alla R di Rabbia alla Z di Zitto.
E ci racconta tutti i nostri bimbi con il loro Amore, quello con la A maiuscola ed in neretto, il loro Amore per tutte le cose. E’ proprio di ieri questa considerazione di Tommaso: “Che io sono il tuo albero mamma, perchè nasco da un seme ma tu sei il mio perché, sei grande e sei la mia mamma e io ti voglio bene” e se lo aprite alla A è proprio di alberi che si parla per parlar di Amore.
E ci racconta tutti noi, adulti di riferimento, con le nostre debolezze che ci mettono a nudo davanti a loro che le colgono al volo e su quelle ricamano, tessono, annodano tele complesse di grande talento.
Come alla lettera F di Fretta, dove sin dalla mattina li invitiamo ad andar di corsa, li incitiamo alla velocità, salvo poi lamentarcene a sera, incapaci di stare al loro passo.
Ma soprattutto ci sono loro, i sentimenti, le emozioni.
Come G di Gelosia che da sola è un poema, la rima finale racchiude l’essenza della vita dei fratelli perché, è vero, rubano tutto sin dal primo giorno…ma non rubateci loro neppure per un momento!
E se ci fosse questo problema bello sarebbe prendere quest’albo, sedersi comodi, cingendoli un po’, aprirlo su questa consonante “col bastone” e parlarne. Perché si passa dalla rabbia all’amore in pochi dolcissimi versi, dal broncio al sorriso.
Dove alla L di Libertà son proprio loro, quelli che vedi al parco che corrono tra le foglie dell’autunno, urlando mettendo tutta la vita che hanno in quell’attimo. E se ci pensi è vero, è questa la libertà: correre felici verso non si sa che ma comunque a braccia aperte.
E alla O di Odio le felpe senza cappuccio e gli zaini senza le scritte? I bottoni e le maniche troppo strette…

Ci sono parole di grande intensità ed immediata evocazione in quest’albo che lo rendono adatto a tutti, così come le illustrazioni che ci rendono bambini veri.

Come alla lettera E dove lei, seduta per terra, è Margherita, la sorellina di Sofia, seduta a testa bassa con l’aria timida ed i suoi riccioli…per voi che la conoscete: non sembra proprio lei?
Visi ed espressioni sono le loro, quelle di tutti i giorni anche nella O di Odio o nella T di tristezza quando, col cuore in differente stato, vanno via a testa bassa e di loro non si vede che una chioma anch’essa acconcia allo stato d’animo.

Fatatrac ha pubblicato in contemporanea anche la versione “Carte in Tavola” per giocare e raccontarsi, per sentirsi e svelarsi, dove, su 21 carte in formato ridotto rispetto all’albo, sono riportate le illustrazioni e sul retro le rime.

Le mie preferite?

La B di Batticuore che con un bacio che fa scintille a causa dell’apparecchio ai denti dei due protagonisti…sì, perché nelle rime c’è posto anche per barrette ai denti, occhiali, moccio al naso!
E la R di Rabbia…ma non vi dico il perché!

Ieri la casa editrice ha annunciato sui social network che presto sarà nuovamente in libreria.

www.fatatrac.com
www.fatatracblogspot.it

Marina Petruzio

L’Alfabeto dei Sentimenti
di Janna Carioli Illustrato da S.M.L. Possentini
Ed.: Fatatrac
Euro: 18,90
L’Alfabeto dei Sentimenti
Collana: Carte in Tavola
Ed.: Fatatrac
Euro: 9,90
Età di lettura: per tutti


Potrebbe interessarti anche