Leggere insieme

Perché il cane ha il naso bagnato?

Marina Petruzio
13 luglio 2014

Perchè il cane ha il naso bagnato 300

Perché il cane ha il naso bagnato? Son quelle domande che arrivano così, senza preavviso alcuno e per le quali non si ha in tasca nessuna risposta preconfezionata. A meno di non essere esperti in materia salviamo capra e cavoli proponendo una bella ricerca insieme in quel magico contenitore che ci ha già salvato più di una volta che è Internet!
Ma in libreria da qualche mese c’è qualcosa di interessante: Perché il cane ha il naso bagnato? È diventato un albo illustrato grazie ad un trinomio vincente: Kenneth Steven, testo, Oyvind Torseter, illustrazioni, ed ElectaKids come editore.
Recensire questo albo in questi giorni mi sembra perfettamente in mood…quello del diluvio intendo!
Era una pioggia battente con scrosci che cadevano dal cielo come barre d’acciaio e sembrava non smettere mai… esattamente come fuori dalle nostre finestre in quest’estate bagnata!
Invece si era al principio…

Sì, si parla di diluvio universale, di Arca e di Noè inevitabilmente.
Ma di un moderno Noè, un trendy destrutturato felpa a righe e cappuccio, stivale anfibio, skinny denim, calvo con pizzetto mono orecchino e tattoo.
Certo l’ambientazione è la stessa, non fosse per un bar e animali antroporfizzati con chiodi in pelle e borchie, bandana, cappelli di paglia, zaini, bandoliere e quant’altro ed il fatto che questo Noè peace&love e politicamente corretto invita a salire sull’Arca, rigorosamente hand made e con materiale da riciclo, come già si percepisce dal titolo, anche lumache, rani e altri viscidi esseri striscianti che la maggior parte della gente uccide calpestandoli o con gli insetticidi ed un cane randagio e senza razza con un grande, soffice naso nero.
E sin qui…
Vale la pena di soffermarsi, dopo aver preso posto nell’Arca, sul suo interno… le piovre sono alloggiate in una camera-acquario con buchi sul soffitto per meglio sgranchire i tentacoli ed salutare zebre e tori impauriti che seduti sul letto guardano il vuoto e che per quaranta giorni non lasceranno la presa sul salvagente, posti al piano di sopra; bische clandestine come nella migliore tradizione marinara, trapezi acrobatici per ingannare il tempo e chupa chups a colazione!

IMG2

E mentre Noè serve colazionepranzomerendacena tutto il giorno la sua giovane moglie punk ridisegna su mappe marine il percorso dell’Arca e tiene il diario di bordo, verso fine viaggio la rivedremo ballare sul ponte, sfrenata in anfibio nonché in dolce attesa! Alce DJ…ma perché si balla sull’Arca?
Eh, si balla per la gioia, la felicità di esserci e di navigare ancora mentre fuori imperversa la tempesta perché  la falla a poppa è stata toppata…è il caso di dirlo! Con che? Col primo che passava di lì e solo perché si trovava casualmente lì non lo si è scelto apposta!
Questa è la storia del perché il cane ha il naso bagnato e della grande amicizia che da quel giorno lo lega all’uomo!

Miglior illustratore Premio Andersen 2008, miglior libro per bambini in Norvegia 2012 e Andersen come miglior libro 6-9 anni 2014…a soli due anni dalla nascita della collana ElectaKids fa incetta di riconoscimenti, quest’anno tre importanti, a livello nazionale.
Ma quel che interessa maggiormente in Casa Editrice, oltre ai premi ed alla mission dell’educare al bello offrendo prodotti stimolanti e di qualità che creino un momento di interazione tra adulti e bambini offrendo momenti di crescita per entrambi con 35 titoli tra album illustrati ed activity book, è lo stretto rapporto con i bambini intrecciato tramite laboratori e workshop per essere sempre a contatto e poter seguire al meglio le loro curiosità ed interessi.

Augurandoci di poter continuare a leggere e giocare con ElectaKids…buon lavoro ed un saluto speciale!

Marina Petruzio

Immagini tratte dal libro Perché il cane ha il naso bagnato? (ElectaKids, 2014) © Kennet Steven e Øyvind Torseter Per gentile concessione di Electa

Perché il cane ha il naso bagnato?
di Kenneth Steven illustrato da Oyvind Torseter
Traduzione: Virginia Ponciroli
Ed.: ElectaKids
Euro: 14,90.-
Età di lettura: dai 6 anni


Potrebbe interessarti anche