A modo mio

Piccole tarte tatin ai funghi porcini e scalogno caramellato

Raffaella Mattioli
2 ottobre 2014

PDSC1489

Come tutti abbiamo avuto modo di constatare, la scorsa estate è stata particolarmente piovosa. Purtroppo il desiderio di caldo e di sole è sfumato, e l’unica consolazione è che la raccolta dei funghi è stata straordinaria. Tanto vale quindi goderceli in tutti i modi possibili, come nella ricetta di oggi: boschiva, ma con un’intrigante sfumatura dolce.

Ingredienti per 8 persone:
1 confezione di pasta sfoglia
800gr. di funghi porcini
1 spicchio d’aglio
Prezzemolo, rosmarino
Sale, pepe, olio evo
2 scalogni medi o 3 piccoli
1 cucchiaino di zucchero di canna

Tempo di preparazione: 30 minuti + la cottura

Procedimento:
Pulite molto bene i porcini, tagliateli a fette piuttosto spesse (anche i gambi se sono sodi) e fateli rosolare in una padella con un filo di olio, uno spicchio d’aglio, sale e pepe. Fate in modo di lasciarli un po’ “al dente” e, a cottura ultimata, cospargete con del prezzemolo tritato.
In un’altra padella fate rosolare con un goccio d’olio gli scalogni tagliati a rondelle sottili, dopo 5 minuti aggiungete il cucchiaino di zucchero di canna e fate caramellare leggermente.
Foderate con la carta da forno delle piccole teglie del diametro di circa 10 cm, ponete in ciascuna delle rondelle di scalogno caramellato, a seguire le fettine di porcini e delle foglie di rosmarino.
Con un coppa pasta rotondo tagliate dei cerchi di pasta sfoglia, bucherellateli con una forchetta e ricoprite con essi i funghi, sigillando bene i bordi all’ingiù.
Fate cuocere in forno pre riscaldato a 180 gradi fino a doratura.
Servite le tatin rovesciandole sul piatto e gustatele ancora calde.

Vino consigliato:
Un buon vino rosso, che non soffochi l’aromaticità dei porcini, come ad esempio l’eccellente Barbaresco Santo Stefano di Castello di Neive. Di un bel colore granato brillante, al naso è elegantissimo con note balsamiche, fiorite e leggermente speziate; in bocca ha un ‘armonia, struttura e persistenza rare.

Raffaella Mattioli


Potrebbe interessarti anche