Advertisement
Postcards

Messico

Carla Diamanti
6 novembre 2014

Postcard Messico

Amo il Messico. Il suo cielo e le sue nuvole. Amo i colori intensi e gli spazi lontani da quelli consueti. Le emozioni che si provano stando in piedi e sentendosi risucchiati in un muro. Non uno qualsiasi ma quello che racchiude tutta la storia di questo Paese raccontata nelle forme e nei colori del maestro Diego Rivera.

Salgo lo scalone di accesso al Palacio Nacionál mentre Emiliano Zapata, Felipe Carrillo e José Rodriguez sostengono lo striscione rosso che urla “Tierra y libertad”. Fatico a distogliere lo sguardo e quando ci riesco, di nuovo gli occhi si perdono sulla selva di teste, sul groviglio di corpi, su braccia, mani, armi, bandiere, cappelli, fucili, fasci di mais, teste di cavallo, fuochi, indios, sacerdoti e aquile. Mi fermo sulle catene della schiavità tenute da Hidalgo, riconosco il prete meticcio José Morelos, il generale Ignacio Allende, Benito Juarez e Porfirio Díaz. Riconosco Karl Marx.

Sei anni di lavoro e un’eredità straordinaria che ripercorre l’epopea del popolo messicano. Poi il maestro si interruppe per dieci anni e tornò di nuovo su quelle pareti per raccontare il passato remoto e celebrare la grande Tenochtitlán e le culture preispaniche che prosperavano nel Paese prima dell’arrivo degli Spagnoli. E proprio su Hernán Cortès, sbarcato a Veracruz nel 1519, i colori sgargianti e le forme attraenti si interrompono. Il pennello di Rivera lo dipinse rachitico e con la carnagione verdognola, il naso adunco e le ginocchia deformi. Vicino a lui una donna indigena tiene tra le braccia un bambino con gli occhi azzurri: è l’inizio del meticciaggio che da quel momento in poi segna il popolo messicano

Fuori c’è il sole e l’aria è frizzantina. Sullo Zócalo i venditori ambulanti di succhi di frutta e di chilaquiles danno avvio alla colazione mentre le donne Huicoles espongono le loro straordinarie composizioni di perline colorate. Il Messico è ancora sotto l’incanto del Dia de muertos.

Carla Diamanti
www.thetraveldesigner.it


Potrebbe interessarti anche